Hot Best Seller

Open Heart

Availability: Ready to download

In this (Washington Post Book World), an ambitious young doctor accompanies his superior to India, where he discovers an illicit passion that threatens to destroy his orderly world.

*advertisement

Compare

In this (Washington Post Book World), an ambitious young doctor accompanies his superior to India, where he discovers an illicit passion that threatens to destroy his orderly world.

30 review for Open Heart

  1. 5 out of 5

    Siv30

    הספר הזה כל כך מעצבן ומאוס שהקריאה בו נמשכה ונמשכה ובחירוף נפש כמעט סיימתי אותו. הסיפור בקליפת אגוז פשוט מאוד: (view spoiler)[בנג'י רובין הוא רופא מתמחה בכירורגיה באחד מבתי החולים בתל אביב. כחודש לפני סיום ההתמחות, מסתבר שהוא לא יקלט במחלקה ובמקום לחפש לו בית חולים אחר, הוא מצטרף למנהל האדמינסטרטיבי ואישתו לנסיעה להודו להשיב את בתם החולה בהפטיטיס. בנג'י בן להורים אנגליים צנועים, שמעולם לא חווה את הקירבה ביחסי הוריו, מתרעם בתחילה על הצטרפות אישתו של המנהל (לזר) אבל הוא נכנע לתכתיבי המנהל, גם כי הוא הספר הזה כל כך מעצבן ומאוס שהקריאה בו נמשכה ונמשכה ובחירוף נפש כמעט סיימתי אותו. הסיפור בקליפת אגוז פשוט מאוד: (view spoiler)[בנג'י רובין הוא רופא מתמחה בכירורגיה באחד מבתי החולים בתל אביב. כחודש לפני סיום ההתמחות, מסתבר שהוא לא יקלט במחלקה ובמקום לחפש לו בית חולים אחר, הוא מצטרף למנהל האדמינסטרטיבי ואישתו לנסיעה להודו להשיב את בתם החולה בהפטיטיס. בנג'י בן להורים אנגליים צנועים, שמעולם לא חווה את הקירבה ביחסי הוריו, מתרעם בתחילה על הצטרפות אישתו של המנהל (לזר) אבל הוא נכנע לתכתיבי המנהל, גם כי הוא עדין חי בתקווה שלזר יסדר לו משרה קבועה בבית החולים. אולם לקראת סוף המסע הוא מתאהב אנושות באישתו של לזר - דורי - שצעירה מאימו ב- 7 שנים. ההתאהבות שתוקפת אותו במלוא עוזה מובילה אותו למעשים הזויים וחסרי היגיון. הם על סף מורטי עצבים כאשר בנג'י הופך לאסקופה נדרסת של דורי. כשלזר אישתו ובנג'י חוזרים לארץ, הוא עושה כל מאמץ להישאר בקשר עם הלזרים תוך שהוא מרחרח סביב אישתו בלי בושה. הוא מופיע במשרד שלה, הוא מתנדב לטפל באימא שלה ואף שוכר את דירתה שם הוא מתעלס איתה. שם היא גם מסבירה לו שגבר נשוי פחות מסוכן לה. לכן, הוא הולך ונישא למיכאלה, חברה של עינת בתם של הלזרים. לזר שמרגיש שהוא חייב לבנג'י, מצליח לסדר לו בתחילה נסיעה לאנגליה לעבוד בבית חולים במסגרת חילופי רופאים. זו ההזדמנות של בנג'י להתנתק ולבנות לו חיים חדשים אבל לא אחד כבנג'י יקח אותה בשתי ידיו. הסיפור הופך מרגע לרגע הזוי כאשר באנגליה הוא שומע שהלזרים מגיעים לביקור. הוא מתנדב לשעשע את דורי אבל במקום לקחת אותה להסתובב הוא מתעלס עם דורי בדירה ששוכרים הוריו כשהם בביקור בסקוטלנד. באותה העת, לזר מסתבר עובר בדיקת לב שמצביעה על בעיות בלב שלו. כשהלזרים חוזרים לארץ לזר צריך לעבור ניתוח מעקפים. כשבנג'י שומע על כך הוא מיד מקדים את חזרתו הביתה כי הוא רוצה להשתתף בניתוח כרופא מרדים. בסופו של הניתוח הלזר נפטר ובנג'י סבור כי רוחו התגלגלה לגופו. המכאן והילך הוא תופס חזקה על דורי ורואה עצמו כבעל זכות עליה ועל גופה. בשיבעה הוא נדבק למשפחה באופן חשוד ולא מניח גם כאשר הוא נתפס מסתובב בבית. הוא מתחיל לעקוב ולחזר אחרי דורי ביתר שאת תוך שהוא הורס כל חלקה טובה בחיו. לאחר השיבעה הוא מגיע לדורי כשהיא חולה והם מקיימים סקס כשהיא הוזה. כשהוא מגיע הביתה הוא מתוודה וידוי אומלל על אהבתו לדורי וכן הוא מתוודה כי בגד בה עם דורי. כשמיכאלה שומעת את הוידוי היא מחליטה לעשות מעשה והיא מחליטה לנסוע להודו עם שיבי בתם. בנג'י לא אומר מילה הוא כל כך שקוע באהבה המטורפת שלו שזה לא מעניין אותו. הוא גם מערב את אימו בסיפור ההזוי וכשדורי משלחת אותו מפניה הוא גם מאיים בהתאבדות. (hide spoiler)] הספר משתרע על שנתיים מרגע הנסיעה להודו והחזרה. במהלכן, בנג'י הופך מבחור עצמאי, גבר רציונלי, אינטיליגנטי וחזק שרוכב על אופנוע כבד ויש בו שקט ושלווה, לסמרטוט חסר מנוחה ששיאו בסוף הספר. קראתי בתדהמה את העלילה ולמרות שידוע שהתאהבות גורמת לנו לעשות דברים משוגעים, התפלצתי למקרא האירועים. התדרדרותם היתה כל כך פאטתית ומשפילה שפשוט לא יכלתי לסבול את זה. מצד שני הייתי מרותקת לזוועה הזו ולא יכלתי לעזוב את הספר כי רציתי לדעת לאיזה שפל חדש ירד בנג'י בנסיונותיו לכבוש את אהבתו. בין הפרקים מצרף הסופר סיפור רקע שהוא משל לסיפור המרכזי, אבל הסיפור הזה מיותר ולא מובן. הוא גם לא תורם לדעתי לעלילה המרכזית. בנוסף, הספר רצוף תיאורים מיותרים ולא היתה מזיקה לו עריכה קפדנית וחסכנית שהיתה מקצצת בו. רק את מעגל הסגירה אהבתי בסוף הספר והוא היה הדבר הכי רציונלי בסחרחרת האירועים בספר הזה. בקיצור סבלתי. אפילו סבלתי מאוד.

  2. 5 out of 5

    Gauss74

    Se ho avuto una impressione chiara della produzione di yehoshua negli anni Novanta, questo tomo di dimensioni ragguardevoli è un altro tassello dell'indagine del grande scrittore israeliano sulla gestione dei sentimenti, ed in particolare dell'amore equivoco, problematico e non in linea con un'etica rassicurante. Il protagonista è Benjamin Rubin, un giovanissimo medico alle prese come tanti con il precariato connaturato alle strutture sanitarie (evidentemente tutto il mondo è paese), e nel tentat Se ho avuto una impressione chiara della produzione di yehoshua negli anni Novanta, questo tomo di dimensioni ragguardevoli è un altro tassello dell'indagine del grande scrittore israeliano sulla gestione dei sentimenti, ed in particolare dell'amore equivoco, problematico e non in linea con un'etica rassicurante. Il protagonista è Benjamin Rubin, un giovanissimo medico alle prese come tanti con il precariato connaturato alle strutture sanitarie (evidentemente tutto il mondo è paese), e nel tentativo di ritagliarsi un posto nel reparto di chirurgia di un prestigioso ospedale, accetta di accompagnare il direttore dello stesso insieme con sua moglie Dori a recuperare la figlia in viaggio in India, ammalatasi nel frattempo di epatite. L' incontro fra il giovane internista e Dori, volitiva e capricciosissima signora di mezza età, è devastante. Il ragazzo si innamora perdutamente di lei, e tutta l'opera è il racconto del tentativo disperato del giovane di gestire un amore impossibile e scandaloso: per una donna di mezza età sposata, per la moglie di un dirigente che ha creduto nel ragazzo; un amore che può avere solo l'effetto di infliggere sofferenze a persone che al protagonista hanno fatto solo del bene. Il racconto dei personaggi con il loro carattere, le loro passioni, le loro decisioni viene fatto non grazie ad un intreccio incisivo con scene di grande effetto giustapposte, ma con un graduale accostarsi di piccole sensazioni quotidiane: questo restituisce grande naturalezza e realismo sia alla storia che ai personaggi stessi, ma al contempo appesantisce molto la lettura di un romanzo che è davvero troppo lungo e che dopo qualche pagina diventa ripetitivo. Quando si valuta una storia bisognerebbe separare la qualità della scrittura dalla simpatia piuttosto che l'antipatia che suscita un eprsonaggio. Io però non ci riesco, ed il protagonista che narra in prima persona, dal quale il punto di vista non si separa mai per tutto il romanzo, è una persona davvero disgustosa. Privo di qualunque tipo di serietà morale, è un manipolatore che mente nella maniera più spudorata dalla prima all' ultima pagina, sfruttando le persone che gli vogliono bene per raggiungere i suoi scopi; e non si cura se tali scopi siano irraggiungibili o eticamente controversi (l'amore per la atttempata Dori) e tantomeno non si cura di fare del male a chi gli sta vicino (le sofferenze della madre che riconosce l'immaturità del figlio piuttosto che Dori stessa costretta a difendersi dall'aggressivo sentimento di Rubin proprio nel momento in cui resta vedova del marito che amava, la giovane moglie sposata per puro calcolo e ripetutamente tradita). So che esistono uomini determinati a raggiungere felicità e successo e che soprattutto in ambito sentimentale non si fanno scrupoli e calpestano qualunque cosa pur di raggiungerli: ed in effetti li vedo felici. Io non posso agire in questo modo nè posso rispettare chi lo fa: ai principi morali non si deroga, a costo di soffrire per un sentimento represso, al punto che mi sono in passato sorpreso a pensare con soddisfazione alla distruzione ed alla rovina della vita di alcuni arrivisti che conosco condotti al disastro dalle loro farfallonerie professionali e sentimentali. Tale rovina non si realizza nel romanzo: in maniera assai poco credibile Benji Rubin si ritrova circondato da uomini e donne validi ed eccellenti, con caratteri tali da saper compensare con la loro maturità alle malefatte del protagonista. In particolare è stupendo il personaggio di Dori, l'amata moglie del direttore dell'ospedale che sà comprendere il tormento interiore di Rubin ma finisce col rifiutarlo per evitare che il ragazzo ne finisca distrutto ma anche per non finire soffocata da un amore in realtà aggressivo, egocentrico e del tutto privo da ciò che ins enso cristiano si chiama carità. Il talento immenso di Abraham Yehoshua nel rappresentare le emozioni umane stavolta è diluito in un romanzo troppo lungo, che non cambia mai punto di vista e non ha accelerazioni ma resta sempre focalizzato su colui che è l'incarnazione di ciò che più disprezzo in un uomo. Tre stelle.

  3. 4 out of 5

    Yair Ben-Zvi

    This book stacks up about evenly with The Lover, not a magnificently brilliant work, but a solid (if overly long and a bit repetitive) novel about the unknowable nature of attraction and love. What gets me about this book however is believability. I understand (I believe so anyway) the messages about the impossibilities of the soul and love as divided by Israel and India that Yehoshua is trying to convey, but unfortunately he succeeds too well in making his main characters unsympathetic. Benjami This book stacks up about evenly with The Lover, not a magnificently brilliant work, but a solid (if overly long and a bit repetitive) novel about the unknowable nature of attraction and love. What gets me about this book however is believability. I understand (I believe so anyway) the messages about the impossibilities of the soul and love as divided by Israel and India that Yehoshua is trying to convey, but unfortunately he succeeds too well in making his main characters unsympathetic. Benjamin 'Benjy' Rubin is too analytical (even in his selfishness) to be taken seriously as a protagonist. And the character of Dori, damn, what a curiously repulsive character she turns out to be. In essence an emotional parasite that feeds on whatever she finds, she is also one of the few literary characters whose physical description matches her true character: that of being an ugly, bombastic, simpleton that really doesn't deserve anything, let alone what this book characterizes as 'love' but is really more akin to obsessive attachment. Similar to my thoughts on The Lover, I have to separate author from text. A.B. Yehoshua is a prick of the highest (or lowest) order who lambastes all Jews in the Diaspora from Israel, and I've long wondered whether these beliefs of his stem from actual conviction, or just from his desire to differentiate himself as an Israeli author and drum up a name for himself. He's been called an Israeli Faulkner but I think that's being quite generous. Where Faulkner's lucid, dream like descriptions were the result of his intuitive grasp of the mystic unknowability of the life in his own fictional creations (and probably drunkenness too), Yehoshua's seem to be the result of an overly flowery stylized perspective that is trying desperately to to disguise a long narrative with random seeming and at times just odd descriptions that are only tenuously important to the overall story. So, all in all, by and by, whatever and whatever, I recommend this book with a warning. It's quite long but is entertaining if not quite so deep and profound as it purports itself to be.

  4. 4 out of 5

    Sandra

    E' il primo libro di Yehoshua che leggo e credo non sarà l'ultimo. L'avevo iniziato spinta dal mio amore per l'India ma dell'India c'è ben poco.Il romanzo è incentrato sulle meccaniche di una passione impossibile tra un giovane medico e una donna di vent'anni più vecchia di lui, moglie del direttore dell'ospedale dove questi lavora, passione così scandagliata dal punto di vista psicologico da risultare artificiosa, posticcia, celebrale più che carnale. Il protagonista mi è rimasto antipatico, so E' il primo libro di Yehoshua che leggo e credo non sarà l'ultimo. L'avevo iniziato spinta dal mio amore per l'India ma dell'India c'è ben poco.Il romanzo è incentrato sulle meccaniche di una passione impossibile tra un giovane medico e una donna di vent'anni più vecchia di lui, moglie del direttore dell'ospedale dove questi lavora, passione così scandagliata dal punto di vista psicologico da risultare artificiosa, posticcia, celebrale più che carnale. Il protagonista mi è rimasto antipatico, soprattutto per il suo egoismo e per il modo in cui si comporta con la moglie, a partire da quando decide di sposarla. La protagonista mi è sembrata una signora viziata e ricca di Tel Aviv, nulla di più. I personaggi secondari (i genitori di Benji, gli amici) sono ben descritti nel corso del romanzo, sembra quasi di conoscerli e capirli meglio dei protagonisti. Ora voglio leggere altri libri di questo autore.

  5. 4 out of 5

    Ram

    קראתי מזמן..... לא זוכר הרבה

  6. 4 out of 5

    Gabriele

    Qualcuno prima o poi farà capire a Yehoshua che in un libro contano più i contenuti che il numero di pagine. Detto questo: romanzo lunghissimo e ripetitivo nelle situazioni, ma con qualche spunto buono e — mi spiace quasi ammetterlo — una scorrevolezza non comune che fa venire comunque voglia di andare avanti nella lettura. La tematica è una sola: il rapporto adultero fra il protagonista, poco meno che trentenne, e una donna di molto più grande, già sposata e ben poco avvenente. Yehoshua costruis Qualcuno prima o poi farà capire a Yehoshua che in un libro contano più i contenuti che il numero di pagine. Detto questo: romanzo lunghissimo e ripetitivo nelle situazioni, ma con qualche spunto buono e — mi spiace quasi ammetterlo — una scorrevolezza non comune che fa venire comunque voglia di andare avanti nella lettura. La tematica è una sola: il rapporto adultero fra il protagonista, poco meno che trentenne, e una donna di molto più grande, già sposata e ben poco avvenente. Yehoshua costruisce un romanzo che ripercorre la storia dei due, a partire da un viaggio in India che li vede fianco a fianco fino al rientro a Tel Aviv, dove il giovane prosegue nel suo insperato "corteggiamento". In mezzo ci sono tutte le fasi dell'innamoramento, che adultero o meno sono sempre quelle, sebbene qui i protagonisti risultino ben distanti dai classici: lui è il ritratto di chi, con egoismo, pensa solo a come raggiungere il suo scopo senza timore di sacrificare coloro che gli sono attorno, lei pare invece non avere idea di cosa stia facendo, né quando si nega né quando si concede al gioco del ragazzo. Yehoshua ci aggiunge una componente mistica che dall'India segue i due fino in Israele, rendendo le vicende un misto di realtà e illusione. L'intero romanzo, oltre 600 pagine di timori e traversie, scorre fra alti e bassi: quello che ne rimane sono i pochi argomenti trattati, per il resto si dimentica facilmente tutto il contorno.

  7. 4 out of 5

    Simona

    Avete mai avuto la sensazione che un viaggio avrebbe cambiato la vostra vita e che al ritorno non foste più gli stessi di quando siete partiti? E' proprio quello che succede a Benji Rubin, uno studente specializzando in medicina che, volente o nolente, deve partire per l'India per curare la figlia malata di epatite del direttore amministrativo dell'ospedale. Questo viaggio in una terra con usi e costumi diversi, dove si vive il presente senza ansie e dove tutto scorre nella quiete e nella pace p Avete mai avuto la sensazione che un viaggio avrebbe cambiato la vostra vita e che al ritorno non foste più gli stessi di quando siete partiti? E' proprio quello che succede a Benji Rubin, uno studente specializzando in medicina che, volente o nolente, deve partire per l'India per curare la figlia malata di epatite del direttore amministrativo dell'ospedale. Questo viaggio in una terra con usi e costumi diversi, dove si vive il presente senza ansie e dove tutto scorre nella quiete e nella pace più assoluta cambierà per sempre la sua vita. Si innamorerà della moglie del direttore amministrativo, Dori, "neppure troppo avvenente, la cui unica virtù sembra essere un enigmatico sorriso", un'ossessione che lo porterà a seguire ogni suo spostamento, fino a instaurare con lei una relazione. Un romanzo diviso in quattro parti: Innamoramento, Matrimonio, Morte, Amore scritto in modo impeccabile che racconta le debolezze, le fragilità, le passioni forti in una terra tra l'India, Gerusalemme e Tel Aviv.

  8. 4 out of 5

    Sharon

    I am irritated by how absorbing this book was, and I have surprised myself, ultimately, by liking it. The narrator lacks morality in a profound way, acting to satisfy his own desires and thereby endangering the happiness of those close to him (fuller, more remarkable characters). Of course, people do that all the time; but this man -- someone so attractive on the surface -- doesn't even register the risk he puts to those others in his life. Ultimately, I am glad I read this book, although I am re I am irritated by how absorbing this book was, and I have surprised myself, ultimately, by liking it. The narrator lacks morality in a profound way, acting to satisfy his own desires and thereby endangering the happiness of those close to him (fuller, more remarkable characters). Of course, people do that all the time; but this man -- someone so attractive on the surface -- doesn't even register the risk he puts to those others in his life. Ultimately, I am glad I read this book, although I am relieved to have finished it, for it plays with some interesting ideas but it is not epic. Many of the central characters are irritating, but I found the characters surrounding the central ones captured me, and in this way I cared about the development of the central characters.

  9. 4 out of 5

    Hermien

    It is not a particularly wonderful story but I love Yehoshua's writing and the way he gets into the protagonist's head. In this case not a very sympathetic character but the supporting cast was endearing.

  10. 4 out of 5

    Emmeline

    I didn't like the book at all, stopped reading halfway. It contained too much trivial details and inner conversations which did not captivate me.

  11. 4 out of 5

    Arwen56

    Migliore, a mio avviso, sebbene meno originale nella struttura rispetto a L’amante, questo romanzo di Yehoshua. In pratica, si tratta di un lunghissimo monologo in cui Benji Rubin, aspirante medico chirurgo, ci racconta tutto di sé. Per certi versi, la situazione proposta è analoga. Anche qui abbiamo un matrimonio, un ‘innamoramento’ e un amante (o un tradimento, come preferite). E l’innamoramento, in entrambi i casi, non ha come oggetto tanto una persona, sebbene in apparenza sembri, quanto il Migliore, a mio avviso, sebbene meno originale nella struttura rispetto a L’amante, questo romanzo di Yehoshua. In pratica, si tratta di un lunghissimo monologo in cui Benji Rubin, aspirante medico chirurgo, ci racconta tutto di sé. Per certi versi, la situazione proposta è analoga. Anche qui abbiamo un matrimonio, un ‘innamoramento’ e un amante (o un tradimento, come preferite). E l’innamoramento, in entrambi i casi, non ha come oggetto tanto una persona, sebbene in apparenza sembri, quanto il fascino che lo stretto legame tra due persone suscita. Ne L’amante era il marito di lei a ‘innamorarsi’ del rapporto tra la moglie e il ‘ragazzo’ che ne ha catturato l’attenzione, tanto da partire alla sua ricerca quando questi improvvisamente scompare. Qui è il giovane medico che si ‘innamora’ dell’attrazione e della necessità, quasi fisica, che la coppia Dori/Lazar ha di restare sempre assieme, persino in situazioni che lo rendono del tutto fuor di luogo. Leggerlo solo pensando alla differenza d’età tra Benji (trentenne) e Dori (cinquantenne) e alla loro anomala relazione è riduttivo, a mio parere. Solo che è, esattamente come L’amante, esageratamente logorroico. E freddo come il ghiaccio. Manca di misura. PS: Non vorrei avervi fuorviato parlando di ‘monologo’. In realtà, vi sono molti dialoghi, cambi di scena, fatti che mutano, anche sostanzialmente, le situazioni. Ma ‘monologo’ resta, perché è solo dal punto di vista di Benji Rubin che noi lettori percepiamo la “realtà” propostaci e la psicologia dei diversi personaggi. Ma chi ci dice che lui li valuti in modo corretto o, almeno, solo vagamente veritiero? Nessuno. Restiamo, dunque, solo a livello di illazioni. Per questo, ribadisco, risulta molto sbilanciato e “cerebrale”, più esercizio di scrittura che non narrazione compiuta.

  12. 5 out of 5

    Erika

    I've often noticed that after an author publishes a number of books and receives high levels of acclaim, their writing will sometimes get much worse. It's almost as if they become overly confident and stop listening to editors and other people they trust. In my opinion, Open Heart suffers greatly from this problem. Although it's the first novel of Yehoshua's that I've read, judging by reviews, his earlier work is much stronger. This is the story of a young doctor who goes to India with a hospita I've often noticed that after an author publishes a number of books and receives high levels of acclaim, their writing will sometimes get much worse. It's almost as if they become overly confident and stop listening to editors and other people they trust. In my opinion, Open Heart suffers greatly from this problem. Although it's the first novel of Yehoshua's that I've read, judging by reviews, his earlier work is much stronger. This is the story of a young doctor who goes to India with a hospital administrator and his wife to help bring their critically ill daughter back home. During the trip, he falls deeply in love with the wife, and over the course of the novel he does more and more desperate things to get her to be with him. It sounds like a great idea for a book, but don't be fooled. For starters, Open Heart is hopelessly over written and repetitive. It would have been a much stronger book if it were 100 pages shorter and all the little tangents either cut or justified more effectively. Next are the characters. Maybe it's just me, but I found almost every person who populated this novel to be deeply self-indulgent and annoying. Finally, there's the pace. Although a number of events occur to move the plot forward, Open Heart never really picks up steam. This might be because much of the story is told in expository form rather than in actual scenes, which robs it of immediacy and weakens the pace. Yehoshua is a well-respected author, but here, he took a wrong turn.

  13. 5 out of 5

    Dana

    I was really torn on this one, and suspect that many of my reservations stem from it being a translated work. I really thought the concept was intriguing and the scene descriptions are very vivid and romantic. So, a pleasure to read in that sense. But I felt that the character development was lacking and I had not real reason to believe some of the relationships that developed or the obsessive feelings that some characters had. Something just didn't add up. But, overall still a good work, maybe I was really torn on this one, and suspect that many of my reservations stem from it being a translated work. I really thought the concept was intriguing and the scene descriptions are very vivid and romantic. So, a pleasure to read in that sense. But I felt that the character development was lacking and I had not real reason to believe some of the relationships that developed or the obsessive feelings that some characters had. Something just didn't add up. But, overall still a good work, maybe better in the original or different translation.

  14. 5 out of 5

    Leka

    Lungo, ma si fa leggere senza stancare. Troppo. Anche se è un romanzo che ho trovato in minore. Dopo la metà il correttore di bozze era un po' annoiato, o aveva una questione in sospeso con Abraham, così ha cominciato ad infilare errori di stOmpa, che persino io, che leggo prevalentemente di notte e senza occhiali (anche se ne avrei bisogno), riuscivo a vedere... e a sentire, come le unghie sulla lavagna della mia infanzia.

  15. 4 out of 5

    Cherise Wolas

    I loved The Extra and A Late Divorce by A.B. Yehoshua. I found this one hard to get into and hard to stay interested in and yet I was compelled to keep reading. The main character, a young doctor, finds himself in love with an older married woman, and in his desire for her, puts everyone else at risk. The sense that came through strongest for me is that he lacked a sense of true morality from the start. For a great introduction to this acclaimed Israeli novelist, go with The Extra.

  16. 4 out of 5

    Herzog

    I read this book for its descriptions of India, but these occurred very early in the book and were not nearly as detailed as I'd hoped. The rest of the book left me cold. For a doctor, Benjy certainly didn't have much insight into himself.

  17. 4 out of 5

    Kit

    I was hooked at first by the characters and the dark ruminative quality of the book, but by the end I was weary of it. The plot didn't end so much as dissipate, and I wondered why I had hung in there until the end.

  18. 4 out of 5

    Udi

    I guess my expectations were too high. It's a nice romance novel that takes place both in Israel and India. Thought that it might talk more about India... any way, enjoy it.

  19. 5 out of 5

    Marianne Crapol

    Tedious drivel.

  20. 4 out of 5

    Paddy

    Confession: chose to stop reading it. Always hoping for another "Journey to the End of the Millennium," a five-star novel.

  21. 5 out of 5

    Claudio Di Leva

    mi ha parzialmente deluso.Non ne ho capito il senso. Non all'altezza della sua narrativa

  22. 5 out of 5

    Vanda

    Great book for anyone coming into their own or at a cross-road in their life. It can be a bit depressing at times, but it's real

  23. 4 out of 5

    Stefania

    Assolutamente senza senso!

  24. 4 out of 5

    Andrea

    Irritante, inutile

  25. 5 out of 5

    Yahav Dagan

    הספר הה

  26. 5 out of 5

    Katie

    I tried and tried as the plotline itself is fascinating, but I couldn't make myself care about such a cynical and dry narrator.

  27. 4 out of 5

    Marcia

    Worst book of our Book Club days in Hong Kong! It's still talked and laughed about. Purchased it at Rizolli's in NYC. No one liked it!

  28. 4 out of 5

    Alik

    Tedious writing, unrewarding reading. Other than psychologically credible characters, there is nothing this book had to offer.

  29. 4 out of 5

    Reza Mahani

    I did not finish the book. The first part was amazing, mysterious. Part two was relatively dull and not engaging. I could not start the third part ...

  30. 4 out of 5

    Sashko Liutyj

    дуже товста, серйозна, але не надто цікава штука. про космополітизм, переживання, брєнность битія, смерть і любов. про страшні таргани, які є всередині кожного з нас.

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...
We use cookies to give you the best online experience. By using our website you agree to our use of cookies in accordance with our cookie policy.