Hot Best Seller

Per Sconfiggerti

Availability: Ready to download

Ho ucciso la donna che amo. Ha ucciso il nostro amore. L’ho vista diventare il mio avversario più pericoloso, e non ho fatto niente per impedirlo. È diventato il mio nemico, e il mio cuore ha già iniziato a sanguinare. Sta venendo per me. Pagherà per ciò che ha fatto. Vuoi la mia vita, piccola rossa? Avrò il suo sangue. Vieni a prenderla. Dark Contemporary Romance Questo romanzo con Ho ucciso la donna che amo. Ha ucciso il nostro amore. L’ho vista diventare il mio avversario più pericoloso, e non ho fatto niente per impedirlo. È diventato il mio nemico, e il mio cuore ha già iniziato a sanguinare. Sta venendo per me. Pagherà per ciò che ha fatto. Vuoi la mia vita, piccola rossa? Avrò il suo sangue. Vieni a prenderla. Dark Contemporary Romance Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente e omicidi. Non adatto a persone suscettibili ai temi trattati. +18

*advertisement

Compare

Ho ucciso la donna che amo. Ha ucciso il nostro amore. L’ho vista diventare il mio avversario più pericoloso, e non ho fatto niente per impedirlo. È diventato il mio nemico, e il mio cuore ha già iniziato a sanguinare. Sta venendo per me. Pagherà per ciò che ha fatto. Vuoi la mia vita, piccola rossa? Avrò il suo sangue. Vieni a prenderla. Dark Contemporary Romance Questo romanzo con Ho ucciso la donna che amo. Ha ucciso il nostro amore. L’ho vista diventare il mio avversario più pericoloso, e non ho fatto niente per impedirlo. È diventato il mio nemico, e il mio cuore ha già iniziato a sanguinare. Sta venendo per me. Pagherà per ciò che ha fatto. Vuoi la mia vita, piccola rossa? Avrò il suo sangue. Vieni a prenderla. Dark Contemporary Romance Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente e omicidi. Non adatto a persone suscettibili ai temi trattati. +18

30 review for Per Sconfiggerti

  1. 4 out of 5

    Greta

    "Ha commesso un errore, perchè ti ama con tutta l'anima. Perchè sa bene com'era prima di te e non vuole continuare a vivere, se tu non sei con lui." Straziante. Questa è l'unica parola che mi viene in mente, prima di buttare giù qualche riga per farvi sapere la mia opinione su Per Sconfiggerti. L'ultimo libro con protagonisti Andrè e Nadyia.. si, l'ultimo, purtroppo. Il problema è proprio questo, non ho la più pallida idea di che cosa dire. L'ho finito di leggere circa una settimana fa e non "Ha commesso un errore, perchè ti ama con tutta l'anima. Perchè sa bene com'era prima di te e non vuole continuare a vivere, se tu non sei con lui." Straziante. Questa è l'unica parola che mi viene in mente, prima di buttare giù qualche riga per farvi sapere la mia opinione su Per Sconfiggerti. L'ultimo libro con protagonisti Andrè e Nadyia.. si, l'ultimo, purtroppo. Il problema è proprio questo, non ho la più pallida idea di che cosa dire. L'ho finito di leggere circa una settimana fa e non sono ancora riuscita a mettere insieme due parole in croce. Questo libro NON è giusto. Mi ha fatta piangere, dannare, bestemmiare, e chi più ne ha più ne metta. Però ho capito Chiara, ho capito ciò che voleva fare, che voleva trasmetterci, e dopo che ho compreso sono stata un po' più in pace con me stessa, con i personaggi. L'amore di Andrè e Nadyia va oltre ogni cose. In Per Sconfiggerti ne avrete sicuramente la prova. Quando si dice l'amore può tutto, beh, anche in guerra funziona così. "Tu lo ami, Nadyia. E lui ama te, più di quanto ami noi. E sai perchè? Perchè tu lo hai riportato in vita." "E lui ha posto fine alla mia." Loro purtroppo non sono più gli stessi. Nadyia è diventata una macchina per uccidere, vuole vendicarsi di Andrè, vuole farlo fuori con le sue stesse mani, e Andrè, d'altro canto, ha compreso quanto ama quella donna (ce n'è voluto di tempo eh Blondie?) e quindi ci ritroviamo con i ruoli inversi. Come andrà a finire? cosa succederà? Io mi ero fatta tantissime idee nella testa negli ultimi mesi e devo dire che ci ho azzeccato in tutto, però quando è arrivato quel momento, l'Andyia Battle, non ero pronta. Ho chiuso il reader per qualche ora, ho fatto una pausa, e poi l'ho ripreso in mano. Preparatevi tantissimi fazzoletti, ne avrete bisogno amici miei. Ora, mio caro Armand, mi affido a te per avere la mia vendetta. Let's kill the bitch!

  2. 5 out of 5

    Chiara Cilli

    Amazon ➜ http://amzn.to/2Gl8jA7 Kobo ➜ http://bit.ly/2ECJLBW iBooks ➜ https://apple.co/2FJpfRJ Google Play ➜ http://bit.ly/2EUG4bg

  3. 5 out of 5

    The Reading's Love Blog

    RECENSIONE COMPLETA QUI: https://thereadingslove.blogspot.it/2... Oggi è una dura giornata per me, la fine della trilogia di Andrè. Mi ha lasciato molte emozioni dentro: rabbia, tristezza, rancore, amarezza. Vi starete chiedendo: beh se non sono positive... E invece no. Chiara Cilli è in grado di appagarti, nonostante il dolore e il sangue. E' una recensione sofferta per molti motivi, non posso spingermi oltre e spoilerare e ho così tanti pensieri che non so cosa ne verrà fuori. Quest'ultimo libr RECENSIONE COMPLETA QUI: https://thereadingslove.blogspot.it/2... Oggi è una dura giornata per me, la fine della trilogia di Andrè. Mi ha lasciato molte emozioni dentro: rabbia, tristezza, rancore, amarezza. Vi starete chiedendo: beh se non sono positive... E invece no. Chiara Cilli è in grado di appagarti, nonostante il dolore e il sangue. E' una recensione sofferta per molti motivi, non posso spingermi oltre e spoilerare e ho così tanti pensieri che non so cosa ne verrà fuori. Quest'ultimo libro è l'inizio e la fine di tutto. Ci sarà una vittima, una vittima che purtroppo nessuno può immaginarsi e che era una parte importante per me nel libro. Ho amato così tanto i personaggi da sentirli miei, sentirli amici che mi seguivano durante la giornata e perderne uno.... è stato tragico. In questo libro, al contrario dei precedenti, c'è molta emozione, molta emotività. I personaggi, che di solito cercano di tenere le emozioni a freno, in questo libro si liberano delle loro maschere. I loro volti si fanno vedere per quello che sono: spezzati. La Cilli ci regalerà nuovi misteri e nuovi intrighi. Nadyia è spezzata, completamente, interamente. Ha un patto, uccidere il suo amato, ma come? Più l'oscurità prende il sopravvento, più Nad cade. La sua forza è stata la mia forza, il suo dolore il mio dolore. La coppia Andrè/Nadyia è la mia preferita, non l'ho mai nascosto e vederli di nuovo insieme mi ha colmato di gioia. Ci saranno scontri, Neela è agguerrita a sterminare chiunque ostacoli il suo cammino. E lo farà. Eccome se lo farà. Nessuno mette i piedi in testa alla Regina. Lo scontro ha inizio e non so quanto sangue dovrò ancora vedere. Non è nello stile dell'autrice parlare di fiabe e 'vissero tutti felici e contenti' e questo mi fa piacere, perché segue la linearità della storia senza storpiarla per rendere felice qualcuno. La serie è questa, nuda e cruda... CONTINUA SUL NOSTRO BLOG. VENITE A TROVARCI https://thereadingslove.blogspot.it/

  4. 4 out of 5

    Federica Vantaggio

    "Qualcuno dei fratelli Lamaze vedrà mai la luce? Si redimerà?" "Non so. Andre.. forse." Non ricordo dove lessi esattamente queste parole di Chiara Cilli, ai tempi ancora della trilogia di Henri e Alek. Su un blog certo, ma Chiara è così seguita che proprio non riesco a ricordare. E ora ho capito a cosa si riferiva con quel forse. Andrè ha avuto la sua luce, ha avuto la sua vita, il suo motivo, il suo scopo. E io mi sono sciolta come una pappamolla. Così come quella di Henri, è finita anche la tr "Qualcuno dei fratelli Lamaze vedrà mai la luce? Si redimerà?" "Non so. Andre.. forse." Non ricordo dove lessi esattamente queste parole di Chiara Cilli, ai tempi ancora della trilogia di Henri e Alek. Su un blog certo, ma Chiara è così seguita che proprio non riesco a ricordare. E ora ho capito a cosa si riferiva con quel forse. Andrè ha avuto la sua luce, ha avuto la sua vita, il suo motivo, il suo scopo. E io mi sono sciolta come una pappamolla. Così come quella di Henri, è finita anche la trilogia del mio Lamazino, dove sappiamo già c'è qualcuno che non rivedremo mai più. La temutissima prima perdita della serie. La prima vittima della guerra fra le tre casate di Veres. Non voglio spoilerare, non sarebbe assolutamente giusto, quindi proverò a chiudere i miei sentimenti in una stanza senza finestre, con un semplice spiraglio aperto, per lasciar passare solo le parole giuste. “Non posso comprendere l’amore che ti lega a quella giovane, ma so quanto è forte il legame che lega noi [...] Se ti arrendi, Henri ti seguirà. E’ questo quello che vuoi?” -Armand Questo è, molto probabilmente, il libro che, più degli altri, ci fa capire quanto sia importate e viscerale il rapporto tra i nostri tre fratelli. Mentre leggevo dei loro dialoghi, dei loro pensieri, delle loro paure, non potevo fare a meno di sentire lo stesso legame con loro. Questi tre uomini si sono fatti strada sotto la mia pelle, dentro le viscere, fin dentro al mio cuore. E so che probabilmente è sbagliato, malato, deviato, ma non me ne frega niente. Non ho detto che sia giusto, ho detto che è successo. E non mi scuserò nè mi giustificherò per quello che sento. Il loro rapporto è qualcosa di così intenso che probabilmente non si può comprendere appieno e del tutto. Perchè oltre ad essere fratelli hanno vissuto insieme qualcosa che nessuno dovrebbe vivere: le ingiustizie da parte della persona che più di tutti al mondo avrebbe dovuto proteggerli. Ormai la storia la sappiamo tutte, ma ogni volta, leggere di come Andrè si ribellava al padre, di come Henri veniva violentato e di come Armand rimaneva a guardare, mi lacera il cuore. Ritrovare Henri in questo libro mi ha fatto quasi boccheggiare. Il legame che ha con Andrè è più profondo di quello che ha con Armand: è la sua forza, la sua roccia. “Perchè Nadyia è così speciale per te?” -Henri “Perché si è innamorata di me. Non ha mai avuto paura. Mi ha sempre trattato come se non ci fosse nulla di diverso in me. Nulla di sbagliato, nulla di.. mostruoso. Come se fossi normale. Mi ha parlato come se fosse stata la cosa più naturale del mondo. E mi ha fatto sorridere. Ho mai sorriso prima?” -Andrè Leggere di queste confessioni così personali. Sentirmi come se fossi lì, accanto a loro, a stringere la spalla di Andrè voltato verso la finestra. Sentire la reazione di Henri al nome di quella persona. Leggere il capitolo ventidue -ma dai Chiara cazzo, non ti regoli (❤)- Armand d'altro canto, che dovrebbe essere quello forte della famiglia, che si comporta come un Re, dimostra finalmente di essere umano e ci mostra qualcosa del suo carattere che, personalmente, non mi sarei aspettata. Le rotelline nella mia testa hanno cominciato a girare e qualche idea m'è venuta ma.. aspettiamo la prossima trilogia, dove lo avrò sotto gli occhi e dove potrò finalmente cogliere ogni singola sfaccettatura del suo carattere. Che poi, parliamone, ogni volta che alzava la voce sentivo tremare i muri di casa mia. E sono muri belli spessi. E poi loro, gli Andyia. La colonna portante di questa seconda trilogia. Così diversi rispetto ad Henri ed Aleksandra. Così unici. Poi mi incorniciò il viso tra le dita e si avventò sulla mia bocca. Non c’era nulla di passionale, in quel bacio. Eravamo denti e lingue e gemiti e ansiti e mani spietate che bruciavano, combattevano, possedevano. Eravamo collera e disperazione. Perché ci amavamo, ma non era abbastanza. Perché ci eravamo persi, e niente poteva farci ritrovare. -Nadyia E' stato straziante in ogni. singola. parola. Ma è stato giusto. Giusto non nel senso canonico del termine perchè si, fa schifo e nessuno si meritava tutto quello che è successo, ma giusto perchè non sono rimaste questioni irrisolte. E questa per me è stata la gioia più grande. Mi è scesa una lacrima, come è successo a qualche personaggio del libro, ma poi sono diventata una bestia, com'è successo invece a qualcun altro ancora. Mi dispiace non potermi esprimere liberamente ma, credetemi, anche se il finale è un po' quello che immaginavamo e temevamo, non renderebbe giustizia sbandierato così in una recensione. Perchè c'è dentro tanta di quella sofferenza, di quel perdono, di quell'amore fraterno e di quell'amore invece viscerale di cui, una volta provato, non puoi più fare a meno, che merita di essere letto e goduto per tutte le 235 pagine. A trilogia conclusa posso anche tirare le somme di questa storia: dicevo prima che le differenze con la prima triade di libri sono davvero tantissime e molto marcate e io sono stata marchiata da questo ragazzino impertinente, glaciale e calcolatore. Ma oltre a questo abbiamo scoperto che lui è anche molto di più. E' ferito, coraggioso, leale, disperato e capace anche di rinunciare a se stesso per la persona che ama. Io l'avevo capito subito, da quando gli occhi di Aleksandra incontrarono quelli color ghiaccio del minore del Lamaze. Avevo visto qualcosa in lui, che all'epoca non seppi spiegare nemmeno io. Tutta quella strafottenza, quel suo comportarsi come se niente e nessuno potesse ferirlo. E poi ho capito quello e altro. Un cuore, che aspettava solo di essere trovato sotto tutto quel dolore e quella sofferenza. E io CREPO. Come ha detto Neela.. "Sei il migliore di tutti noi" Anche lui, come il suo predecessore Henri, è o bianco o nero: o lo ami da subito oppure col tempo imparerai ad amarlo ma non lo sentirai mai davvero tuo. Per me è stato il primo caso, dal principio. Mi dispiace davvero molto chiudere questa trilogia, chiudere la storia del mio fratellino preferito, ma era giunto il momento, anche se fa male. E sono sicura che, se da una parte c'è chi ha perso, dall'altra c'è chi ha trovato. “Non ho mai visto un legame così indistruttibile” -Armand sugli Andyia Nella prossima avremo, come già detto sopra, Armand come protagonista, che penserà bene di stringere amicizia -anche se al momento non si sa bene quanto stringerà amicizia- con Ekaterina, una delle più fidate agenti della regina. E mentre Henri mi affascinava e Andrè mi attraeva, bhe..Armand mi mette un po' paura. Apriamo le danze. E le scommesse. Per chi sarà il prossimo a morire.

  5. 4 out of 5

    Monica Lobetti

    Io non sono in grado di spiegare le sensazioni che ho vissuto... Mi sono arrabbiata, sono stata delusa, ho pianto...e ora l'unica cosa che so...è che voglio Vendetta.... Esattamente come Armand....(e non vedo l'ora). Non perdo nemmeno le parole per commentare la scrittura di Chiara....perchè Lei è devastante...ti trascina nei luoghi e negli animi dei personaggi. Chiara...con questo libro ti ho odiata e amata tantissimo! e penso che continuerò a farlo.

  6. 4 out of 5

    Carmen Aquino

    Non c'è emozione che tenga quando un libro atteso per mesi e mesi non solo soddisfa le tue aspettative ma addirittura le supera. Leggere è passione, un hobby, una scappatoia e in alcuni casi una valvola di sfogo come in questo. È stata una lettura catartica, il capitolo finale della trilogia degli Andyia con tante emozioni, tutte diverse tra loro, ti riempie e stritola cuore e anima; allo stesso modo arrivata all'ultima pagina di priva di tutto, di un elemento essenziale, dell'anello che univa l Non c'è emozione che tenga quando un libro atteso per mesi e mesi non solo soddisfa le tue aspettative ma addirittura le supera. Leggere è passione, un hobby, una scappatoia e in alcuni casi una valvola di sfogo come in questo. È stata una lettura catartica, il capitolo finale della trilogia degli Andyia con tante emozioni, tutte diverse tra loro, ti riempie e stritola cuore e anima; allo stesso modo arrivata all'ultima pagina di priva di tutto, di un elemento essenziale, dell'anello che univa la catena. Chiara Cilli è un'autrice audace, è la giovane scriba di questa spietata guerra raccontata dai personaggi stessi. Non ha colpe né il potere di decidere il corso degli eventi. Ha la colpa però di saperti incantare con la sua scrittura, è magnetica, emozionante, formidabile. Con poche parole sa descriverti paesaggi fantastici da diventare reali. Con gesti significativi e dialoghi emozionanti sa mettere nero su bianco uno dei sentimenti più belli e difficili da esternare in questa "realtà". Questa è una serie dark e grazie ad André abbiamo avuto uno spiraglio di luce, di amore. Amore tra due giovani ragazzi che hanno saputo conoscersi e amarsi nonostante tutto e tutti. Amore tra tre fratelli diversi, uniti e per sempre legati nonostante le sofferenze. Questa luce ha avuto una breve durante ma grande intensità da non essere dimenticata, perché anche nell'oscurità più cupa l'amore sa essere abbastanza. «Siete stati risucchiati dal male che padroneggia le nostre vite. Siete stati sommersi dall'odio e messi alla prova dall'indicibile crudeltà della Regina. Eppure avete sconfitto ogni sorta di tenebra che minacciava di separarvi. Avete lottato per quello che c'era tra di voi anche quando stavate combattendo l'uno contro l'altro.» Temporeggiò. «È questo che ho visto visto su quel campo: un amore più forte della violenza. Un amore che è sacrificio. Un amore che è perdono. Un amore che cambierà il destino di tutti noi.»

  7. 4 out of 5

    Eℓℓis ♥

    Sono troppo sopraffatta dalle emozioni per scrivere un commento oggettivo, le lacrime mi appannano la vista e devo metabolizzare quanto ho letto. L'unica cosa che posso dire è che tra queste pagine ho lasciato un pezzetto del mio cuore... la trilogia riguardante André e Nadyia mi ha devastata. Il loro è un amore totalizzante, struggente, tormentato ed invincibile. Grazie Chiara per le sensazioni che riesci a trasmettermi con le tue parole.

  8. 4 out of 5

    Annuccia Palmeri

    C'erano una volta André e Nadya, due anime che si sono trovate nell'oscurità. Adesso gli andyia non ci sono più, l'uno è stato strappato dall'altro. Salvarsi era il loro obiettivo ma sono state Vittime della lotta al potere su Vares e adesso giacciono a pezzi. La guerra è iniziata, che vinca la casata Lamazè e periscano gli altri.

  9. 5 out of 5

    Daniela Palmese

    Posso contare sulle dita di una mano i libri che mi hanno fatto piangere letteralmente dalla prima pagina fino ai ringraziamenti compresi. Per sconfiggerti è sicuramente uno di questi: è tragico, straziante, sconvolgente, ansia pura, intenso, emozionante, destabilizzante, dolore, coraggio, forza, rimpianto, pieno di amore in tutte le sue forme. È tutto. E questo è solo merito tuo Chiara, per essere riuscita a creare due personaggi unici nel loro genere, così reali e averci fatto emozionare cosi Posso contare sulle dita di una mano i libri che mi hanno fatto piangere letteralmente dalla prima pagina fino ai ringraziamenti compresi. Per sconfiggerti è sicuramente uno di questi: è tragico, straziante, sconvolgente, ansia pura, intenso, emozionante, destabilizzante, dolore, coraggio, forza, rimpianto, pieno di amore in tutte le sue forme. È tutto. E questo è solo merito tuo Chiara, per essere riuscita a creare due personaggi unici nel loro genere, così reali e averci fatto emozionare cosi tanto. André, un'anima tormentata, tanto forte quanto fragile. Un fratello, un campione, un eroe. È e rimarrà il migliore di tutti, il mio preferito fin dalla sua prima apparizione. Lui conosce il suo destino e lo accetta a testa alta, è pronto a morire pur di proteggere la donna che ama. Lei è la sua luce, gli ha dato speranza, lo ha fatto tornare a vivere, a sorridere e non permetterà a nessuno di farle del male, a costo di morire. Nadyia, il suo scricciolo, la sua piccola rossa. Una donna con una forza incredibile, coraggiosa, tenace e leale. Una donna che non si arrende mai ma che continua a combattere fino alla fine. Quello che risalta in questo libro è anche la dedizione che i Lamaze hanno l'uno nei confronti degli altri, davvero ammirevole. Il loro è un legame indissolubile, che non può essere spezzato nemmeno con la morte. André sa che la sua morte verrà vendicata perché crede nei suoi fratelli, ha fiducia in loro, una fiducia che non vacilla nemmeno per un secondo. I momenti Bromance sono alle stelle e sono state decisamente alcune delle parti più belle e toccanti. A fine libro, è inevitabile sentirsi spaesati.. ti sembra quasi di aver perso davvero qualcuno di importante per te. Un'amico, un fratello, l'uomo che ami. Per questo, odio e amo Chiara al 50 e 50: amo perché è stata in grado, con la sua scrittura, di regalarmi così tanto, odio perché non ero e non sono disposta a lasciarlo andare. André si è sicuramente e indubbiamente aggiudicato un posto nel mio cuore.

  10. 4 out of 5

    Jennifer la Torre

    Se dovessi usare due aggettivi per descrivere l'ultimo capitolo della storia degli #Andyia questi sarebbero intenso e devastante. Questa storia mi ha preso a pugni dall'inizio alla fine, mi ha soffocata con l'ansia e l'angoscia che mi ha trasmesso e mi ha mandata al tappeto grazie alla potenza delle emozioni che mi ha fatto provare. Il capitolo finale della trilogia di Andrè narra lo scontro tra un amore tormentato, potente e totalizzante e il veleno micidiale di una serpe fredda e calcolatrice. G Se dovessi usare due aggettivi per descrivere l'ultimo capitolo della storia degli #Andyia questi sarebbero intenso e devastante. Questa storia mi ha preso a pugni dall'inizio alla fine, mi ha soffocata con l'ansia e l'angoscia che mi ha trasmesso e mi ha mandata al tappeto grazie alla potenza delle emozioni che mi ha fatto provare. Il capitolo finale della trilogia di Andrè narra lo scontro tra un amore tormentato, potente e totalizzante e il veleno micidiale di una serpe fredda e calcolatrice. Grazie alla sua trama ricca di colpi di scena, rivelazioni, suspense e una scena madre carica di rabbia e dolore sono stata trasportata in un mondo fatto di violenza, odio e sull'orlo di una guerra spietata e sanguinaria. L'alternanza dei vari pov (i fratelli Lamaze, Nadyia e Neela) mi ha fatto vivere la storia a trecentosessanta gradi, ho sentito ogni singola emozione provata dai personaggi in maniera così intensa da restarne sopraffatta. Ho apprezzato tantissimo la scelta fatta dall'autrice: è stata una scelta audace, coraggiosa e, sicuramente, la più giusta per il finale di questa incredibile storia. Questo libro mi ha spezzato il cuore in mille pezzettini, li ha calpestati fino a renderli una poltiglia sanguinolenta, mi ha tolto il respiro, mi ha fatto versare milioni di lacrime eppure è così perfetta. Non mi resta che inchinarmi ancora alla bravura di Chiara. Chapeau Queen!

  11. 5 out of 5

    Rosaria

    Tra le pagine di questo libro ci ho lasciato un pezzo del mio cuore. Difficilmente dimenticherò ma OH MIO DIO, un libro bellissimo! ❤❤❤ "Salvaci."

  12. 5 out of 5

    Rosa Campanile

    Allora, dopo un ricostituente e una miriade di fazzoletti, ho capito che con Chiara non posso aspettarmi dei finali che non siano shock. Cioè, non che mi aspettassi un HEA, però una conclusione tranquilla... no. Proprio no. Questo libro mi ha ucciso, non vi dico l'emozione nel leggerlo. Mi sono imposta di andare piano, di non spoilerarmi il finale... e ho fatto benissimo. La mia recensione sul blog Briciole di Parole: https://bricioleparole.blogspot.it/20... Chapeau, Chiara. Bravissima!

  13. 4 out of 5

    Frency camminando tra le pagine

    Credevo di essere pronta per questa storia, pronta per le emozioni che ero certa mi avrebbe fatto provare ed ero pronta a star male e soffrire, ma il mio cuore non era preparato ad uscirne maciullato, a pezzi, totalmente sconfitto sotto il peso delle emozioni travolgenti che la storia di Nadya e André mi ha fatto sentire. Un finale per questa seconda parte della serie doloroso, ma meraviglioso. Vorrei dirvi molto di più, ma per ora non posso. Sul blog il 4 marzo troverete la mia recensione.

  14. 4 out of 5

    Karin - Le Lettrici Impertinenti

    Recensione di Marshmallow per il blog Le Lettrici Impertinenti https://lettriciimpertinenti.blogspot... Eccoli di nuovo qui i nostri protagonisti, Nadya e Andrè, il piccolo e feroce di casa Lamaze e la sua guerriera più abile. Nadya è ormai un’assassina nelle mani di Neela, la temibile Regina di Veres, con il cuore annientato da quell’essere spietato che le ha rubato l’anima e il cuore ma che le ha anche portato via una parte della sua umanità. E ora Nadya ha un solo obiettivo: distruggerlo, come l Recensione di Marshmallow per il blog Le Lettrici Impertinenti https://lettriciimpertinenti.blogspot... Eccoli di nuovo qui i nostri protagonisti, Nadya e Andrè, il piccolo e feroce di casa Lamaze e la sua guerriera più abile. Nadya è ormai un’assassina nelle mani di Neela, la temibile Regina di Veres, con il cuore annientato da quell’essere spietato che le ha rubato l’anima e il cuore ma che le ha anche portato via una parte della sua umanità. E ora Nadya ha un solo obiettivo: distruggerlo, come lui ha eliminato senza pietà forse il suo amico più caro. “Una vita per una vita”. E Andrè è pronto, sa che la sua piccola rossa è in cerca di vendetta, sa che il sangue che lui ha versato sta cercando giustizia, lei sta arrivando per ucciderlo e lui glielo lascerà fare. Ma c’è qualcosa con cui i nostri protagonisti non hanno fatto i conti: quel legame penetrante, impetuoso e travolgente che li ha legati fin dall’inizio, quella forza magnetica che li attira irrimediabilmente l’uno verso l’altro, quel richiamo che solo le loro anime possono sentire. E nonostante nel loro destino ci sia soltanto sangue, quel sentimento intenso e torrido che li ha uniti forse può strapparli a una morte certa. In questa battaglia però la posta in gioco è molto alta. Neela sta tessendo nell’ombra la sua letale tela per far sì che lo scontro tra Andrè e Nadya porti alla guerra, una guerra che Armand, il maggiore dei Lamaze, è pronto a scatenare se la Regina torcerà un solo capello a uno dei suoi fratelli. Il destino non guarda in faccia nessuno e Andrè e Nadya non possono sperare in un futuro per loro. Questa volta l’amore non sarà abbastanza, non riuscirà a salvare tutti e qualcuno soccomberà inevitabilmente alle tenebre. Come sempre la nostra Chiara non sbaglia un colpo! Erano giorni che non trovavo una lettura che mi appassionasse cosi tanto da farmi fare le ore piccole e invece appena ho avuto tra le mani il suo romanzo non mi sono più riuscita a staccare, completamente risucchiata in quel mondo oscuro tenebroso e ipnotico che l’autrice ha saputo creare. L’ho letto tutto d’un fiato fino all’ultima straziante riga e…Chiara, stavolta mi hai proprio spezzato il cuore!!! Non voglio svelarvi più del dovuto perché davvero questo capitolo è stato un susseguirsi di emozioni e colpi di scena che meritano di essere gustati in pieno, ma voglio parlarvi un’ultima volta dei due meravigliosi protagonisti. Andrè...il mio Andrè! Così feroce e imperfetto, spietato e irresistibile ,è riuscito in poco tempo a rubarmi il cuore.Il suo personaggio è forte e determinato, letale quando serve ma con un cuore all’apparenza di pietra che è capace di lottare e sanguinare per chi ama. Andrè, a differenza di Henri, non è impulsivo e irragionevole, studia le sue mosse con calcolata precisione,non ha mai mostrato il suo vero carattere, covando nel profondo sentimenti ed emozioni che lascia trasparire raramente. Eppure il suo modo di amare è intenso,ardente, appassionato, quasi furioso. Non avrei mai pensato di usare questa parola per lui, ma l’affetto che ha per i suoi fratelli e per la donna che ama è così forte da volersi sacrificare e lottare per loro fino all’ultimo respiro. Quello che prova per Nadya non è l’amore da romanzetti rosa, qui non ci sono cuori e fiori, ma un sentimento viscerale e totalizzante che li ha trascinati sin dall’inizio in un rapporto pericoloso e fatale e che li ha incatenati l’uno all’altro in maniera indissolubile. Nadya l’avevamo conosciuta come una ragazzina agguerrita e testarda dall’animo fragile e compassionevole e ora quella che abbiamo davanti è una letale assassina, tenace e inarrestabile. Ma la nostra rossa in questo capitolo dovrà affrontare la sfida più dura e difficile, dalla quale non può sottrarsi, dalla quale non c’è una via d’uscita facile se non quella di combattere. Nadya sa che non ci sarà un lieto fine,ma quel briciolo di umanità che ancora le resta è il solo modo per salvare l’uomo che ama e che l’ha distrutta, ma che le ha donato qualcosa di davvero prezioso. La vicenda di Andrè e Nadya è forse una delle più belle storie d’amore che abbia mai letto, perché questo amore che provano l’una per l’altra è qualcosa che il lettore percepisce anche se non è scritto, qualcosa che traspare dagli sguardi dei protagonisti senza che loro dicano una parola, un sentimento capace di sfidare anche la morte. Care lettrici il tempo di Nadya e Andrè è purtroppo finito ma come scoprirete la vera battaglia è appena cominciata: sta per arrivare Armand, il misterioso e riflessivo fratello maggiore del quale non vedo l’ora di leggere la storia perché sono sicura che la nostra Chiara ci riserverà delle belle sorprese! Non aspettate oltre impertinenti, i fratelli Lamaze vi aspettano!!!

  15. 5 out of 5

    Emanuela Piceni

    Sono giorni che mi metto al pc cercando di fare questa recensione, è stata davvero dura, ma non pensate male, non perché non mi sia piaciuta anzi, tutt’altro, l’ho amata così tanto da non volermene liberare completamente, quasi come se non recensendola restasse ancora un pochino con me. Si lo so sembro matta, ma sono fatta così soprattutto con le storie che mi hanno dato così tanto. Ma iniziamo dall’inizio, nei primi tre capitoli di questa serie ho scoperto una famiglia, tre fratelli, i “Lamaze”. Sono giorni che mi metto al pc cercando di fare questa recensione, è stata davvero dura, ma non pensate male, non perché non mi sia piaciuta anzi, tutt’altro, l’ho amata così tanto da non volermene liberare completamente, quasi come se non recensendola restasse ancora un pochino con me. Si lo so sembro matta, ma sono fatta così soprattutto con le storie che mi hanno dato così tanto. Ma iniziamo dall’inizio, nei primi tre capitoli di questa serie ho scoperto una famiglia, tre fratelli, i “Lamaze”. Una storia la loro che ti fa accapponare la pelle, ti fa provare molteplici emozioni, mi hanno fatto innamorare, provare odio, ansia, mi hanno fatto ansimare e sudare freddo. Poi è stato il tempo della seconda parte della serie con la trilogia dedicata ad Andrè, Che dirvi questo è uno dei personaggi che più ho amato in assoluto, qui abbiamo visto uscire il suo lato umano, grazie alla piccola Nadyia. Avevamo lasciato “ Per addestrarti” con la piccola speranza che qualcosa di buono era all’orizzonte….ma poi ….. in “ Per combatterti” tutto ci travolge, tante cose vengono chiarite, altri dubbi si ripresentano e ancora una volta l’autrice ci lascia con tantissime ed intense emozioni. ( come suo solito) E ora veniamo a questo sesto capitolo in cui termina la storia dedicata ad Andrè, pensate che in questo capitolo manchino le emozioni? La suspance? Ma siete matti? Se mai fosse possibile qui ritroviamo tutto all’ennesima potenza, ho pianto tantissimo ( si faccio pure questo!!), sono stata letteralmente travolta da ogni vicenda, emozione e pensiero di ogni personaggio. Si probabilmente questo finale non sarà amato da molti, ma credo che l’autrice abbia avuto coraggio nel perseguire il proprio istinto, e credetemi è stato l’epilogo più giusto e coerente possibile, a reso più credibile e certamente più intensa l’intera storia. Come con le altre mie recensioni non voglio assolutamente raccontarvi nulla, perché il piacere di scoprire , di emozionarvi e di travolgervi , voglio sia intenso quanto lo è stato per me, che ho l’onore e l’enorme fortuna di leggere in anteprima queste fantastiche storie. Come vi ho detto sopra qui tutte le emozioni provate nei precedenti capitoli vi travolgeranno con una potenza disarmante. La scrittura di Chiara è una boccata d’aria fresca, regala un viaggio alternativo alla routine, ti fa entrare in realtà immaginarie ma al contempo te le fa vivere da protagonista facendoti credere di essere li con loro. La sua abilità nel farti conoscere nell’intimo ogni personaggio è davvero incredibile, questi fratelli Lamaze diventano tuoi amici, e i loro nemici diventano tuoi.

  16. 5 out of 5

    Silvana S

    "Come fai a raccogliere le fila di una vecchia vita, come fai ad andare avanti, quando nel tuo cuore cominci a capire che non si torna indietro, ci sono cose che il tempo non può accomodare, ferite talmente profonde che lasciano un segno." Un segno molto profondo e un segno molto definitivo. È questo che ti lascia Per sconfiggerti, un segno molto profondo e una sensazione di vuoto che rimarrà anche nei libri a seguire. Ancora una volta l'autrice scrive un finale maledettamente perfetto, maledettam "Come fai a raccogliere le fila di una vecchia vita, come fai ad andare avanti, quando nel tuo cuore cominci a capire che non si torna indietro, ci sono cose che il tempo non può accomodare, ferite talmente profonde che lasciano un segno." Un segno molto profondo e un segno molto definitivo. È questo che ti lascia Per sconfiggerti, un segno molto profondo e una sensazione di vuoto che rimarrà anche nei libri a seguire. Ancora una volta l'autrice scrive un finale maledettamente perfetto, maledettamente doloroso e maledettamente straziante. Tutto va come deve andare, come è giusto che vada ma come nessuno , in cuor suo, avrebbe voluto che andasse. I sentimenti tra Andrè e Nadyia qui sono portati all'apice della loro interezza e contraddizione fino a esplodere nella luce immensa che è il loro amore: Un amore più forte della violenza. Un amore che è sacrificio. Un amore che è perdono.Un amore che sarà la vendetta un po' di tutti noi. Tutti i personaggi sono stati fondamentali, tutti i personaggi hanno avuto il loro ruolo e hanno contribuito alla perfetta messa in scena di questo libro, dove vieni catapultato senza esclusioni di colpi vivendo ogni singola situazione come se ne fossi parte integrante, ed è anche da queste cose che si vede la vera stoffa di un'autrice (meravigliosa). E nonostante il cuore e l'anima spezzati è comunque il momento di chiedersi: - Cosa ti è successo Armand? - Con chi stavi parlando Armand? - Quando strapperai la gola alla Regina, Armand?

  17. 5 out of 5

    Patrizia Piras

    Conoscendo i libri dell'autrice, pensi di aver capito lo stile ed i colpi di scena che ti aspetti nel terzo libro su André e Nadyia, non è affatto così, ogni volta è una sorpresa! Questo libro narra l'ultimo capitolo degli Andyia, André ed Nadyia si devono per forza affrontare non c'è scampo per nessuno. Nadyia dovrà fare i conti con l'assassina, che la Regina di Vares' le ha fatto nascere nel suo inconscio, ma l'unica via sembra uccidere l'unico che la capisce fino in fondo ma che allo stesso t Conoscendo i libri dell'autrice, pensi di aver capito lo stile ed i colpi di scena che ti aspetti nel terzo libro su André e Nadyia, non è affatto così, ogni volta è una sorpresa! Questo libro narra l'ultimo capitolo degli Andyia, André ed Nadyia si devono per forza affrontare non c'è scampo per nessuno. Nadyia dovrà fare i conti con l'assassina, che la Regina di Vares' le ha fatto nascere nel suo inconscio, ma l'unica via sembra uccidere l'unico che la capisce fino in fondo ma che allo stesso tempo le ha cancellato l'anima, le ha reso il cuore duro come la pietra, ma non è detta l'ultima parola, scoprendo qualcosa che la farà vaccillare davanti al suo bisogno di vendicare il suo amico più caro. André aspetta che il destino si compia, senza lottare solo aspettando la resa dei conti. In questa storia si alternano i pov dei fratelli Lamaze, sia Henri ed Armand che ti fanno capire anche il loro punto di vista. Anche questa storia l'ho letta senza riuscire a staccarmi, ti travolge talmente tanto da poter immaginare le scene come un film, ti fa provare odio, ti fa sentire l'odore del sangue e della vendetta, ma soprattutto ti fa piangere, perché quello che si prova è inimmaginabile non lo capisci subito, ma dopo qualche ora che ripensi alla storia. Non sono pronta a lasciare André e Nadyia, la loro storia è stata travagliata e sofferta, ti lascia con l'amaro in bocca, ma sono sicura che questo è solo l'inizio di una guerra crudele tra i Lamaze e la Regina per riuscire ad ottenere una vendetta. CONSIGLIATISSIMO

  18. 5 out of 5

    Charlotte Lays

    Siamo arrivati all'epilogo della storia tra André e Nadyia. Un epilogo senza esclusioni di colpi. Un epilogo che racconta di una luce accecante proprio perché è immersa nella tenebra più nera. Non è facile scrivere un pensiero senza fare spoiler, quindi mi limiterò alle sensazioni che l'autrice è riuscita a trasmettermi. Chiara Cilli è l'unica lettura "forte" che mi concedo, perché so che non indora le pillole, sono consapevole della coerenza dei suoi personaggi, letale almeno quanto loro stessi. So Siamo arrivati all'epilogo della storia tra André e Nadyia. Un epilogo senza esclusioni di colpi. Un epilogo che racconta di una luce accecante proprio perché è immersa nella tenebra più nera. Non è facile scrivere un pensiero senza fare spoiler, quindi mi limiterò alle sensazioni che l'autrice è riuscita a trasmettermi. Chiara Cilli è l'unica lettura "forte" che mi concedo, perché so che non indora le pillole, sono consapevole della coerenza dei suoi personaggi, letale almeno quanto loro stessi. So che mi spezzerà il cuore in un modo o in un altro, perché l'amore a volte non basta: ci sono faide e guerre e legami di sangue che trascendono tutto. Al di là della storia (su cui non mi soffermerò per i suddetti spoiler), un plauso a Chiara per il coraggio di certe scelte: quello che vogliono i lettori, non sempre è quello richiesto dalla storia. BRAVA. In ogni trilogia sia "ama" o si odia un fratello Lamaze, e lei sta riuscendo a farli "riscattare" tutti(scusate se virgoletto, ma stiamo in un Dark Contemporary, ci sono poche aureole illibate, ecco...). Attendo con trepidazione Armand, il maggiore dei fratelli, sono convinta che ci regalerà tantissime soddisfazioni, tra cui le chiappe di Neela in salmì (SPERO). Complimenti, Chiarina <3

  19. 4 out of 5

    Lisa

    Non esistono parole per descrivere le emozioni che si provano leggendo i romanzi di Chiara Cilli.. Per sconfiggerti in 3 parole: EMOZIONANTE, SCONVOLGENTE, DEVASTANTE. Mi ero innamorata di Henri, non pensavo che avrei provato lo stesso per il suo fratellino, e infatti ho resistito! ... fino a quando Chiara mi ha dato il colpo di grazia nel capitolo 18: impossibile resistere, finalmente ho capito perchè André è così speciale e non ho potuto non piangere per lui. E vogliamo parlare della maestria con Non esistono parole per descrivere le emozioni che si provano leggendo i romanzi di Chiara Cilli.. Per sconfiggerti in 3 parole: EMOZIONANTE, SCONVOLGENTE, DEVASTANTE. Mi ero innamorata di Henri, non pensavo che avrei provato lo stesso per il suo fratellino, e infatti ho resistito! ... fino a quando Chiara mi ha dato il colpo di grazia nel capitolo 18: impossibile resistere, finalmente ho capito perchè André è così speciale e non ho potuto non piangere per lui. E vogliamo parlare della maestria con cui Chiara ha disseminato piccoli indizi e grandi interrogativi?! #congettureagogo Cosa cavolo succederà nella trilogia di Armand? L'unica cosa che ho capito è che da Chiara ci si può aspettare QUALUNQUE COSA.. e per quanto dolorosa possa essere è sempre quella giusta. Grazie per le emozioni e per le lacrime! (è la mia prima recensione quindi spero di non aver fatto casini)

  20. 4 out of 5

    Miriana Milella

    con per sconfiggerti chiudiamo il cerchio di Andrè e Nadyia non si può spiegare cosa si prova leggendo questo libro vorrei odiare chiara per quello che ha scritto ma allo stesso tempo non posso perchè gli eventi e i protagonisti hanno vita propria doveva essere cosi nel bene e nel male non mi resta che piangere per sempre l'epilogo di questo ultimo romanzo e dare 5 stelle e anche di più per la nostra bavissima chiara

  21. 4 out of 5

    Alessia

    come sempre i suoi libri ti divorano tenendoti incollata fino all'ultima parola, ringraziamenti inclusi! Mi ha molto stupita il colpo di scena... speravo che non accadesse ma capisco le ragioni di questa scelta! l'ho adorato ed ora... come si fa ad aspettare il prossimo? 😨😨😨

  22. 5 out of 5

    Love is in the books

    *Recensione a cura di Chicca* C'è una scena nel libro che mi ha colpita molto, dove i personaggi provano a dividersi un pezzo di french toast per mettere qualcosa sotto ai denti, prima del funerale, ma non ci riescono e si ripromettono di riprovarci. Perché vi sto raccontando questo? Da tre giorni apro l'articolo dove dovrei scrivere il mio parere su questa lettura, ma l'unica cosa che riesco a fare è fissare la pagina bianca, come se la mia mente si rifiutasse di formulare le parole.  Immobile *Recensione a cura di Chicca* C'è una scena nel libro che mi ha colpita molto, dove i personaggi provano a dividersi un pezzo di french toast per mettere qualcosa sotto ai denti, prima del funerale, ma non ci riescono e si ripromettono di riprovarci. Perché vi sto raccontando questo? Da tre giorni apro l'articolo dove dovrei scrivere il mio parere su questa lettura, ma l'unica cosa che riesco a fare è fissare la pagina bianca, come se la mia mente si rifiutasse di formulare le parole.  Immobile. Assente. Mi sento annientata. Quando ho iniziato la lettura di questa serie ero più che consapevole a cosa saremmo andate incontro tutte noi lettrici. Sapevamo, eppure abbiamo continuato il nostro cammino a fianco dei Lamaze, da brave guerriere quali siamo. Oggi sono qui a scrivere queste quattro righe con il dolore che cola come lava incandescente dalla voragine che si è aperta nel mio cuore, quel foro che ha tolto la vita a uno dei personaggi più importanti della serie. Colui che si è fatto spazio nel mio cuore in silenzio. Colui che non ha fatto rumore quando mi ha fatta innamorare di lui.  Colui che ora si è portato via il mio cuore.  «Sai come si uccide un re, Henri?» L'inclinazione erotica che diede al mio nome mi fece accapponare la pelle. «Portandogli via coloro che ama» Penso che Chiara Cilli si ritroverà a leggere molte recensioni tristi e intrise di dolore, ma sicuramente c'è il lato positivo in tutto questo. E' la prova di come è riuscita a catturare i lettori con la sua scrittura, con la sua creatività, con la sua bravura nell'esprimere stati d'animo attraverso l'uso delle parole, facendoci inginocchiare dinanzi ai sentimenti più crudi di cui la vita si colora ogni giorno.  La sua scrittura non permette al lettore di riprendere fiato; sarà un vero e proprio susseguirsi di ganci alternati e ben assestati. Il lettore non potrà far altro che subire, senza aver modo di potersi difendere fino al punto di rottura, quando  le emozioni saranno così intense da portare alla resa.  Ma sappiamo bene che in ogni guerra ci sono vinti e vincitori. Oggi mi sento di far parte dei vinti ma spero che Armand Lamaze, con l'aiuto della sua famiglia, riesca a passare dalla sponda dei vincitori per tutte noi, per lui. Perché ha sempre avuto fiducia in lui. Credeva in lui.  E io gli ho sempre creduto.  «Quando sarò morto, Neela, tu sarai spazzata via. Vuoi cominciare l’ultimo atto della guerra con me?» Con un piede la costrinsi bruscamente a scavallare le gambe per sistemarmi tra di esse. Mi puntellai con le mani sui braccioli e mi chinai alla sua altezza, lo sguardo che trapassava il suo, la voce ridotta a un ringhio glaciale. «Fallo con la consapevolezza che mi seguirai a ruota, perché Armand ti smembrerà pezzo dopo pezzo» Ora che Neela Šarapova ha dato il via alla guerra contro i Lamaze, le tre casate di Véres scenderanno in campo e, sinceramente, non sono mai stata così emozionata nel voler leggere una serie formata da più libri!. Molte sono state le rivelazioni che si sono susseguite nel corso di questi primi sei libri, ma ci sono ancora misteri da risolvere, personaggi da conoscere e scoprire, intrecci fitti da sciogliere. Non vedo l'ora di conoscere cosa accadrà ora che conosciamo anche l'identità della campionessa della regina! Ehehehe, lo sapevo chica ;) <3 I love u [momento shipposo con la mia BFF]. Le nostre emozioni si fusero in un unico, immenso dolore che da quel momento in avanti ci avrebbe indissolubilmente legati. Sarebbe impossibile per me elencarvi le scene che più ho adorato perché sono troppe: caratterizzate da un caleidoscopio di emozioni e sensazioni, da un'intensità senza pari, si sono conquistate un posto d'onore nel mio cuore. Penso che, nonostante la serie sia ancora lunga, questo resterà il mio libro preferito. Sono riuscita a sentirli, a viverli e ad amarli come non sono riuscita a fare nei precedenti libri della serie. Questa volta li ho abbracciati e tenuti stretti a me, come se volessi essere io il loro collante, come se avessi voluto essere lì con loro a combattere questa battaglia. Perché l'urlo di guerra di Armand è, in parte, l'urlo di un intero esercito di lettrici, che io adoro profondamente. Non mi resta che fare i miei più sinceri complimenti a questa autrice che, con ogni suo libro, riesce a donare a noi lettori un mondo alternativo dove poterci rifugiare, oltre che a personaggi instabili da poter amare. *Recensione a cura di Annie* - ATTENZIONE! SPOILER FREE-  Sto scrivendo questa recensione con le lacrime che mi rotolano sulle guance per poi infrangersi sulla mia scrivania, sul legno freddo. Freddo come i brividi che mi scuotono e che mi fanno accapponare la pelle violentemente. Freddo come il sangue che mi si è congelato nelle vene. «Tu lo ami, Nadyia», sentenziai a bruciapelo. Mi volsi verso di lei, ferma sulla portafinestra. «E lui ama te, più di quanto ami noi. E sai perché?» La guardai intensamente, nonostante lei non lo stesse facendo. «Perché tu l’hai riportato in vita.» Dopo una piccola eternità, Nadyia trasse un profondo respiro e si voltò verso di me con aria indolente. «E lui ha posto fine alla mia.» Poi se ne andò. Ero pronta a tutto. Pensavo di essere pronta a tutto. In questo libro troviamo una Nadyia molto decisa nel portare a termine la sua vendetta e la Regina pronta ad assecondarla per il suo piacere sadico di veder soffrire il maggiore dei fratelli Lamaze, Armand che sarebbe disposto a tutto per proteggere i suoi fratelli. Sono stata mesi a prepararmi psicologicamente alla lettura del finale della trilogia degli Andyia. Mi ero preparata, ma niente è servito contro il dolore che sento nel petto in questo momento. DEVASTAZIONE. ASSENZA ABBANDONO  RABBIA. Sono solo alcune delle emozioni che provo adesso. Non posso credere a quello che ho letto, non so se sarò mai in grado di riprendermi. Capisco che serviva un movente per la vera guerra, cruda e spietata che sta per arrivare nei prossimi tre libri che vedranno come protagonista Armand, il primogenito dei Lamaze, ma non è solo per questo. Neela cova ben altro ed io non vedo l'ora di scoprire cosa sia e di vederla soffrire come nessun altro! Con questa trilogia se ne va uno dei personaggi che per me è sempre stato un campione, l'invincibile...nemmeno fosse fatto di acciaio indistruttibile. Mai avrei pensato accadesse una cosa del genere all'inizio ma poi mi sono resa conto che era necessario e, leggendo, scoprirete il perché. Se ne va una delle colonne portanti della famiglia e fa troppo male, mi mancherà davvero tanto. Mi sento come se lo avessi perso davvero,  perché lui e tutti gli altri sono più che dei semplici personaggi creati dalla fantasia dell'autrice ed è questo che rende inimitabile lo stile della Cilli. «Perché lo stai facendo?» le chiesi. «Perché sono pronta.» Mi girai su un fianco e poi, lentamente, mi sollevai fino a sedermi sui calcagni. La guardai con un misto di sconforto e rabbia. «Per cosa?» Neppure l’ombra di un’emozione passò sul suo volto. «Per sconfiggerti.» Lei va controcorrente, se ne frega degli happy ending che sono rari in questa vita, non ci gira attorno e non indora la pillola; ti sbatte tutto in faccia violentemente come fa la vita stessa, non aspetta che tu sia pronto per sopportare le sue batoste. È per questo che le sue storie sono così dannatamente perfette perché, quando dei libri ti scavano dentro in questo modo, non puoi fare altro che accettarlo e inchinarti alla magnifica Dark Queen che lei è. ❤

  23. 4 out of 5

    Cecilia K.

    Sapevo che sarebbe stata tosta, gli indizi erano chiari.Ero pronta. O almeno credevo di esserlo. 'Per sconfiggerti' conclude con il botto la trilogia dedicata a questi due cuccioli che hanno tirato fuori gli artigli e hanno ruggito più forte degli altri. Più di Henri e Armand,più della regina,più dell'odio e della vendetta. Le scene tra i fratelli sono intense e a tratti struggenti,e alla fine non puoi non amarli tutti e tre. Ognuno forte e debole a modo proprio. Io ho rivalutato Andrè che si è rivela Sapevo che sarebbe stata tosta, gli indizi erano chiari.Ero pronta. O almeno credevo di esserlo. 'Per sconfiggerti' conclude con il botto la trilogia dedicata a questi due cuccioli che hanno tirato fuori gli artigli e hanno ruggito più forte degli altri. Più di Henri e Armand,più della regina,più dell'odio e della vendetta. Le scene tra i fratelli sono intense e a tratti struggenti,e alla fine non puoi non amarli tutti e tre. Ognuno forte e debole a modo proprio. Io ho rivalutato Andrè che si è rivelato il più coraggioso e il più sentimentale di tutti,e questo grazie a Nadyia che è un fiore nato in mezzo alla neve di cui era coperto il suo cuore. Leggere questo libro è come stare alle corde,sul ring,con il tuo avversario che ti bersaglia lo stomaco di pugni. E Chiara colpisce talmente bene,con il suo stile fluido e l'incisività di certe scene,che non importa se soffri,non importa se sei un'amante di cuori e fiori perchè quello che succede,quel finale, è assolutamente perfetto. Quando un autore mi fa accettare ciò che non avrei mai voluto,con me ha fatto centro. Per me sono 5 stelle cum laude.

  24. 5 out of 5

    Feel The Book

    Recensione doppia a cura di Holly e Lilith per Feel The Book Holly - voto 5 Che dire, Andrè? Sei diventato il nostro re! Non ti sei risparmiato, hai dato tutto te stesso a una donna che prima hai cercato di allontanare, poi hai rifiutato e infine è diventata il motivo per cui batte il tuo cuore. Proprio come la canzone, hai aspettato che la vendetta che ti aveva promesso venisse compiuta, hai aspettato che il tuo assassino reclamasse la tua vita, e nel mentre ti sei consumato. Hai atteso che il tuo Recensione doppia a cura di Holly e Lilith per Feel The Book Holly - voto 5 Che dire, Andrè? Sei diventato il nostro re! Non ti sei risparmiato, hai dato tutto te stesso a una donna che prima hai cercato di allontanare, poi hai rifiutato e infine è diventata il motivo per cui batte il tuo cuore. Proprio come la canzone, hai aspettato che la vendetta che ti aveva promesso venisse compiuta, hai aspettato che il tuo assassino reclamasse la tua vita, e nel mentre ti sei consumato. Hai atteso che il tuo corpo raggiungesse la tua anima, morta nel momento in cui Nadyia ha giurato di ucciderti. Non hai fatto però i conti con tre cose, una la sapevi e due no. Henri preferirebbe morire che vederti morto, ma questo già lo sapevi. Ciò che non sapevi è che Armand darebbe la vita per te, e che Nadyia, la nostra cara ragazzina rossa, è diventata una donna pronta a lottare per ciò in cui crede e che ama. La domanda a questo punto è: amarti ti ama, ma crederà ancora in te, dopo tutto ciò che le hai fatto, abbastanza da ribellarsi alla Regina? Se dovessi utilizzare una parola, una sola, per descrivere questo romanzo sicuramente sarebbe DOLORE. I protagonisti soffrono, tutti quelli che abbiamo conosciuto in questa trilogia, tranne la Regina, ma già dal soprannome che le ho dato, Fuckneela, si capisce che lei è proprio arida, per non dire altro. Anche voi soffrirete, e tanto anche, se siete arrivati al sesto romanzo della Blood Bonds non potrete non farlo, sarà un crescendo di sofferenza fino all’epilogo. Abbiamo lasciato Andrè rassegnato alla fine del suo amore e pronto a morire. Ha sacrificato se stesso per salvare Nadyia. Benché questo sia un enorme atto di coraggio, e benché Nadiya lo abbia compreso, lei non può perdonare ciò che ha fatto. Entrambi dunque sono distrutti, hanno rinunciato all’unica luce e all’unico motivo per sorridere nella loro vita, e questa condanna che si sono autoinflitti li annienta, se possibile, ancora di più. La consapevolezza che nulla potrà salvarli è straziante. Sono due guerrieri, ma in questo capitolo sembra davvero tutto perduto. Come in ogni battaglia che si rispetti, la differenza però la fanno gli eserciti di entrambi gli schieramenti, i singoli soldati. Al fianco di Nadyia combatteranno Ekaterina e la Regina, mentre al fianco di Andrè combatteranno gli altri due Lamaze, Armand ed Henri. Ekaterina è un personaggio che stiamo scoprendo libro dopo libro, non ho ancora capito se possiamo fidarci di lei o meno e Neela, beh, lei è odio allo stato puro (al momento non ne si capisce l’orgine), più la si conosce e più, con le sue parole al vetriolo, aumenta la voglia di ucciderla, di torturarla, di seviziarla, di porre fine alla sua vita facendole però provare le sofferenze più atroci. Armand cercherà in tutti di modi di far parlare Andrè, cercherà di capire il motivo per il quale il fratello minore è stato condannato a morte e soprattutto chi sia il vero boia, ma non ottiene risposta; ciò che otterrà è, ancora una volta, un viscerale risentimento nei suo confronti. Andrè continua a rinfacciargli il fatto che per dieci lunghi anni non ha fatto niente per proteggere i suoi fratelli dal loro padre e non potrà mai comprendere il danno che l’orco ha causato a lui ed Henri. Per la prima volta però Armand si lascia andare, facendoci intravedere ciò che si cela realmente dietro l’animo glaciale e oscuro che si ostina a voler far mostrare. Lo abbiamo sempre saputo che per i Lamaze la famiglia è tutto, ma in “Per Sconfiggerti” questo termine acquisterà un significato molto più profondo. La famiglia non è solo amore, ma protezione e sacrificio. Armand arriverà non solo a minacciare la Regina per salvare il fratello, ma addirittura, e questo non me lo sarei MAI aspettato, riuscirà a comprendere l’amore che lega il fratello e Nadiya. A tal proposito, sempre perché il destino è una donna di facili costumi, Nadyia non solo deve combattere contro se stessa per portare avanti la sua vendetta, ma dovrà farlo anche perché una nuova circostanza le impone di essere forte, più forte di quanto sia sempre stata. Lei è un personaggio che ho amato sin dal principio, coerente con se stessa e in ciò cui crede fino a che avrà vita. Se all’inizio per Andrè avrebbe fatto qualsiasi cosa, ora c’è in ballo qualcosa di più grande in cui credere, qualcosa di più importante da proteggere, perché come nella vita vera, l’amore spesso non è mai abbastanza. Ciò aumenta la sua inarrestabile furia e allo stesso tempo la sua battaglia interiore diventa ancor più logorante. Armand non è il solo che lotta per salvare il fratello, c’è anche Henri, il quale finalmente sembra aver ritrovato se stesso. Il rapporto fra i due è sempre stato molto intenso, ma qui raggiunge l’apoteosi. Non solo Henri riuscirà comprendere che cosa sia l’amore per una donna, ma lotterà per salvare ciò che ha riportato il sorriso nella vita del suo amato fratello. Insomma, sembra che tutti lottino per salvare l’amore fra Andrè e Nadyia tranne che lei stessa… Questa cosa mi ha davvero straziato l’anima. Voglio dire, Andrè dopo la bellezza di tre libri a lui dedicati ha finalmente ammesso di amarla più di ogni altra cosa al mondo, da gelido assassino è diventato un uomo vittima del suo amore, gli altri due Lamaze hanno capito che nonostante l’odio che provano per colei che vuole uccidere suo fratello, ucciderla significherebbe ammazzare il loro caro, e che diavolo, Nadyia, cedi! Poi però, dentro di me, mi ripetevo che Nadyia non poteva fare altrimenti, che solo una donna con grande coraggio avrebbe deciso di percorrere il suo cammino, e che nonostante le lacrime premessero per voler uscire dai miei occhi, era giusto che fosse così. E qui mi fermo con il racconto del romanzo perché ogni parola potrebbe essere uno spoiler. Ho letto “Per Sconfiggerti” in anteprima e a tutte le mie amiche ho dato lo stesso consiglio: non permettete a niente e nessuno di rovinarvi il libro. Tutto, ma proprio tutto verrà compreso e amato a tempo debito. L’autrice ha compiuto una scelta audace, ha seguito il suo cuore pur sapendo che molte lettrici non approveranno la sua scelta e questo, permettetemi, è sintomo di grande professionalità e rispetto verso di noi. L’unica strada per rendere credibile e “reale” questa storia era quella intrapresa da Chiara Cilli, perciò cara autrice grazie per averci donato questa storia e per non aver ascoltato le nostre speranze. Se lo avessi fatto, sicuramente il risultato sarebbe mediocre e ipocrita. Si dice che dall’inferno si possa uscire solo in due modi: amari come la cenere o splendenti come l’oro. Andrè e Nadyia ne sono usciti come due lucenti pepite d’oro, due anime distrutte che insieme hanno creato qualcosa dal valore inestimabile: un amore invincibile, che trascende l’odio e il perdono, un amore per il quale non si è mai addestrati abbastanza, ma che gli dà la forza di combattere per sconfiggere tutto ciò che lo ostacola. Armand invece ne è uscito amaro come la cenere. E Henri? Beh, lui nell’inferno ci è appena entrato! L’unica cosa che posso aggiungere è che se non avete letto la Blood Bonds dovreste farlo solo per i capitoli 19,20, 21 e 22, gli ultimi di questo libro (il 23 non lo conto perché parla Fuckneela e la odio con tutto il cuore). Questi, sono quanto di più perfetto abbia mai letto in tutta la mia vita, perché l’amore ha una moltitudine di sfumature e Chiara è arrivata a toccarle tutte! Ps: prepariamoci psicologicamente tutti al prossimo libro, il primo della trilogia di Armand, “Per Sconfiggerti” si conclude con una bomba, che quando scoppierà ci farà tremare! Lilith - voto 5 Raramente piango a dirotto leggendo un libro, ma con questo romanzo Chiara mi ha distrutto. Se gli altri cinque libri mi erano piaciuti, mi avevano conquistata, questo mi ha devastata. Dai vari commenti letti in giro, già immaginavo cosa sarebbe potuto succedere, più o meno, ma fino alla fine ho sperato in qualche modifica, in un salvataggio quasi mistico, invece… rabbia e tristezza mi stanno ancora accompagnando, emozioni che potrete capire solo quando leggerete questo sesto volume. Più si va avanti con la serie, più cresce il mio odio verso la regina (non merita il nome scritto), mi auguro che abbia una morte lunga, lenta e dolorosa, dovrà supplicare anche il Diavolo per avere pietà. In questo libro c’è un altro tassello da sistemare, Ekaterina: che rapporto ha con i Lamaze? Ok, sarà stata allenata da André, diciamo che sono amici, ma secondo me c’è altro sotto che emergerà nei volumi dedicati ad Armand. Mi piacerebbe sapere perché lei odia così ferocemente i fratelli, non sarà mica parente? In questo libro vediamo come l’amore fraterno cerchi di combattere il destino senza riuscirci, ma notiamo che, nonostante, i fratelli si vogliano bene c’è dell’astio fra loro per i fatti accaduti nel passato. Armand, il figlio risparmiato, che assisteva senza muovere mano quando i fratelli venivano abusati, sembra non essere tutto ciò che appare; penso che anche Armand abbia il suo inferno personale, forse maggiore a causa dei sensi di colpa. Henri si è ripreso dai fatti successi nei tre libri che lo hanno visto protagonista, ma lo scontro con la regina chissà che danni farà. Troverete paura, rabbia, forza, disperazione, amore incondizionato, dolore intenso bruciante e anestetizzante. Ogni pagina è una stilettata al cuore per l’amore tramutato in odio, per l’odio che non ha mai attecchito fino in fondo e che, per quello, fa ancora più male; per un amore che poteva salvare e che invece ha diviso; per una rabbia che continua a crescere e una vendetta pronta a consumarsi. Degno finale di una trilogia stupendamente triste, DEVE essere letto, ma fatelo armati di fazzoletti, ne serviranno purtroppo. E ora aspettiamo Armand, per scoprire cosa farà e quali sono i segreti non ancora scoperti della famiglia Lamaze. Editing recensione a cura di Aletheia per Feel The Book

  25. 5 out of 5

    Jessica (secretlifeofbooklover)

    Come si sopravvive a un finale del genere? Recensione completa sul blog

  26. 5 out of 5

    Romance and Fantasy for Cosmopolitan Girls

    Romance and Fantasy for Cosmopolitan Girls Ciao a tutte Cosmo, come avrete capito oggi non è un lunedì qualsiasi ma è il giorno d'uscita di... *rullo di tamburi* "Per Sconfiggerti" di Chiara Cilli, sesto volume della serie dark contemporary romance Blood Bonds. Vi ricordo che questo è l'ultimo volume della trilogia dedicata ad Andrè Lamaze e Nadyia Volkov ♡ Quindi la recensione potrebbe contenere SPOILER. Inoltre ho deciso di impostare la recensione in un modo diverso dal solito, così facendo vi e Romance and Fantasy for Cosmopolitan Girls Ciao a tutte Cosmo, come avrete capito oggi non è un lunedì qualsiasi ma è il giorno d'uscita di... *rullo di tamburi* "Per Sconfiggerti" di Chiara Cilli, sesto volume della serie dark contemporary romance Blood Bonds. Vi ricordo che questo è l'ultimo volume della trilogia dedicata ad Andrè Lamaze e Nadyia Volkov ♡ Quindi la recensione potrebbe contenere SPOILER. Inoltre ho deciso di impostare la recensione in un modo diverso dal solito, così facendo vi eviterò ulteriori spoiler E niente, sedetevi, preparate i fazzoletti, o quello che volete, e buona lettura. ♡♡♡ Siamo giunti alla fine di questa storia, quella tra Andrè e Nadyia. Ma come abbiamo visto in ballo non ci sono solo loro, anzi, ci sono le vite di tutti coloro che li circondano. I fratelli Lamaze da una parte, e dall'altra Neela con le sue ragazze, in particolare Ekaterina. Ognuno di loro ha avuto un ruolo fondamentale nel corso della loro storia. Ognuno di loro ha fatto delle scelte e adesso è arrivato il momento di pagarne le conseguenze. Armand Lamaze, dei tre fratelli, è sempre stato quello meno impulsivo e più calcolatore. Questo, nel corso degli anni, gli ha conferito un aspetto duro e pacato agli occhi degli altri, quando invece, dentro di lui imperversa una tempesta. Una tempesta che finalmente sta venendo allo scoperto, proprio adesso che la situazione gli è sfuggita di mano e che il suo fratellino Andrè è in pericolo. "Dovevo ritrovare la calma. Il controllo." Ma per una volta Armand decide di fidarsi di suo fratello, Henri, perchè sa che lui farebbe di tutto per Andrè... Sappiamo bene che Henri Lamaze ha un legame speciale con Andrè, oserei dire che hanno lo stesso legame che c'è tra due gemelli. Proprio per questo sarà pronto a tutto pur di salvare e proteggere Andrè e lo farà seguendo il suo istinto. Facendo ciò che il suo cuore gli dice di fare. Senza pensare alle conseguenze, senza sapere se il suo piano andrà a buon fine. Perchè l'unica cosa davvero importante è che Andrè continui a vivere. "Non hai più bisogno di me, Henri." Gli andai vicino e gli incorniciai il viso con le mani, fissandolo con tutta la determinazione di cui fui capace. Con tutto me stesso. "Avrò sempre bisogno di te. Sei il mio sangue. E ti supplico, combatti." Ed eccolo il vero protagonista di questo libro: Andrè Lamaze. Andrè ci ha già dato dimostrazione della sua maestria con coltelli e pugnali, ma in questo libro si dimostrerà essere un vero eroe fuori dal campo di battaglia. Un eroe che, consapevole del fatto che la sua vita sia appesa a un filo, non si tira indietro per proteggere colei che ama, colei che ha fatto entrare la luce nella sua vita così oscura: Nadyia. "Avrei dovuto fare di più, darle di più. Tutto il mio cuore. Tutta la mia anima. Tutto me stesso. Per salvarla." Nadyia Volkov, ormai proprietà della Regina, ha un nuovo incarco da portare a termine. Deve uccidere una vita. "Una vita per una vita." Deve prendere la sua vita. Quella di Andrè, il suo carnefice che ben presto diventerà la sua preda. Ma non sarà così semplice, come si può uccidere la persona che si ama? E' per questo che ad affiancarla, durante il suo periodo di preparazione, ci sarà Ekaterina. "Per uccidere l'uomo che ami , dovrai avere sangue freddo, Nadyia. Dovrai essere come lui. Arriverà il tuo momento, ma non oggi. Non così." Ekaterina Kuznetsov, è uno di quei personaggi che nonostante la poca presenza, ogni qual volta entri in scena lascia il segno. Anche questa volta, pur non essendo la protagonista, sarà lei, attraverso i suoi insegnamenti e consigli, a guidare Nadyia. Perchè solo lei può capire cosa passa per la mente di un sicario. E' lei stessa un sicario. Ma ricordiamoci che è il braccio destro della Regina, ciò vuol dire che se ha un ordine, lo porterà a termine senza se e senza ma. "Lo farò, mia Regina." E, ovviamente, tutto inzia e finisce con lei, Neela Šarapova. Neela è un personaggio crudele, e ciò la rende potente. Lei è una Regina spietata, ottiene sempre quello che vuole e a qualunque prezzo. Nonostante più volte abbia trovato degli ostacoli, è sempre riuscita a trovare un piano alternativo che riportasse tutto al suo posto, come lei voleva. Bramava questo momento fin dall'inizio e adesso ha ottenuto ciò che voleva. Ora che la guerra è iniziata quale sarà la sua prossima mossa? Non ci sono più alleanze, sono tutti contro tutti, chi vincerà? "Siamo tutti legati in un modo o nell'altro." Sarò sincera, speravo in un finale diverso per questo libro, per questa storia, per gli Andyia. Ma ho capito, a malincuore, che questa è la scelta più "giusta", una scelta che Chiara Cilli spiega perfettamente nei ringraziamenti, DOVETE LEGGERE ANCHE QUELLI! Nonostante fossi preparata alla morte di qualcuno, visto che era una cosa che sapevamo già dallo scorso libro, non mi sono risparmiata su lacrime e dolore. Perchè si, ho pianto molto, continuo a piangere e mai dimenticherò ciò che è accaduto in questo libro. Un libro che in sole duecento pagine ha fatto una strage. Durante la lettura ho provato varie emozioni tutte in contrasto tra di loro: odio e amore, felicità e tristezza. Emozioni che ho già provato con altri libri, ma che non sono mai state così forti. Questo è dovuto sia alla bravura di Chiara nella scrittura, davvero tutto quello che scrive ti investe entrandoti dentro, ma anche al fatto che sono tanto, troppo affezionata ad Andrè e Nadyia. Andrè credo sia il personaggio migliore di tutta la serie, nel corso della storia si è evoluto, è cambiato, ha smussato i suoi angoli spigolosi per amore. Ed è stato proprio l'amore a guarirlo e condannarlo.Perchè quello tra lui e Nadyia era, anzi è, un'amore difficile da far nascere, difficile da far durare ma soprattutto è difficile da far morire. E poi c'è Nadyia, la nostra piccola rossa. Lei è impossibile non amarla, ha una forza e un coraggio incredibile. Ha sempre lottato, prima per la sua libertà e adesso per il suo amore. Forse, se fossi stata al suo posto, avrei scelto di agire diversamente in alcuni casi, ma sono sicura che al suo posto non sarei stata in grado di sopravvivere a tutto questo, non sarei stata in grado di andare avanti dopo un solo giorno. Quindi, tutto sommato, credo che le sue scelte siano state giuste, in un modo o nell'altro, hanno fatto sì che l'amore tra lei e Andrè nascesse, maturasse, li travolgesse e vivesse per sempre. Chiudo questa recensione con una delle citazioni che, secondo me, rappresenta la vera essenza degli Andyia. Una coppia che vive anche al di fuori delle pagine e che porterò SEMPRE NEL MIO CUORE ♡ "Avete lottato per quello che c'era tra di voi anche quando stavate combattendo l'uno contro l'altro."

  27. 4 out of 5

    Angela Alboreo

    *Recensione a cura di Chicca* C'è una scena nel libro che mi ha colpita molto, dove i personaggi provano a dividersi un pezzo di french toast per mettere qualcosa sotto ai denti, prima del funerale, ma non ci riescono e si ripromettono di riprovarci. Perché vi sto raccontando questo? Da tre giorni apro l'articolo dove dovrei scrivere il mio parere su questa lettura, ma l'unica cosa che riesco a fare è fissare la pagina bianca, come se la mia mente si rifiutasse di formulare le parole.  Immobile *Recensione a cura di Chicca* C'è una scena nel libro che mi ha colpita molto, dove i personaggi provano a dividersi un pezzo di french toast per mettere qualcosa sotto ai denti, prima del funerale, ma non ci riescono e si ripromettono di riprovarci. Perché vi sto raccontando questo? Da tre giorni apro l'articolo dove dovrei scrivere il mio parere su questa lettura, ma l'unica cosa che riesco a fare è fissare la pagina bianca, come se la mia mente si rifiutasse di formulare le parole.  Immobile. Assente. Mi sento annientata. Quando ho iniziato la lettura di questa serie ero più che consapevole a cosa saremmo andate incontro tutte noi lettrici. Sapevamo, eppure abbiamo continuato il nostro cammino a fianco dei Lamaze, da brave guerriere quali siamo. Oggi sono qui a scrivere queste quattro righe con il dolore che cola come lava incandescente dalla voragine che si è aperta nel mio cuore, quel foro che ha tolto la vita a uno dei personaggi più importanti della serie. Colui che si è fatto spazio nel mio cuore in silenzio. Colui che non ha fatto rumore quando mi ha fatta innamorare di lui.  Colui che ora si è portato via il mio cuore.  «Sai come si uccide un re, Henri?» L'inclinazione erotica che diede al mio nome mi fece accapponare la pelle. «Portandogli via coloro che ama» Penso che Chiara Cilli si ritroverà a leggere molte recensioni tristi e intrise di dolore, ma sicuramente c'è il lato positivo in tutto questo. E' la prova di come è riuscita a catturare i lettori con la sua scrittura, con la sua creatività, con la sua bravura nell'esprimere stati d'animo attraverso l'uso delle parole, facendoci inginocchiare dinanzi ai sentimenti più crudi di cui la vita si colora ogni giorno.  La sua scrittura non permette al lettore di riprendere fiato; sarà un vero e proprio susseguirsi di ganci alternati e ben assestati. Il lettore non potrà far altro che subire, senza aver modo di potersi difendere fino al punto di rottura, quando  le emozioni saranno così intense da portare alla resa.  Ma sappiamo bene che in ogni guerra ci sono vinti e vincitori. Oggi mi sento di far parte dei vinti ma spero che Armand Lamaze, con l'aiuto della sua famiglia, riesca a passare dalla sponda dei vincitori per tutte noi, per lui. Perché ha sempre avuto fiducia in lui. Credeva in lui.  E io gli ho sempre creduto.  «Quando sarò morto, Neela, tu sarai spazzata via. Vuoi cominciare l’ultimo atto della guerra con me?» Con un piede la costrinsi bruscamente a scavallare le gambe per sistemarmi tra di esse. Mi puntellai con le mani sui braccioli e mi chinai alla sua altezza, lo sguardo che trapassava il suo, la voce ridotta a un ringhio glaciale. «Fallo con la consapevolezza che mi seguirai a ruota, perché Armand ti smembrerà pezzo dopo pezzo» Ora che Neela Šarapova ha dato il via alla guerra contro i Lamaze, le tre casate di Véres scenderanno in campo e, sinceramente, non sono mai stata così emozionata nel voler leggere una serie formata da più libri!. Molte sono state le rivelazioni che si sono susseguite nel corso di questi primi sei libri, ma ci sono ancora misteri da risolvere, personaggi da conoscere e scoprire, intrecci fitti da sciogliere. Non vedo l'ora di conoscere cosa accadrà ora che conosciamo anche l'identità della campionessa della regina! Ehehehe, lo sapevo chica ;) <3 I love u [momento shipposo con la mia BFF]. Le nostre emozioni si fusero in un unico, immenso dolore che da quel momento in avanti ci avrebbe indissolubilmente legati. Sarebbe impossibile per me elencarvi le scene che più ho adorato perché sono troppe: caratterizzate da un caleidoscopio di emozioni e sensazioni, da un'intensità senza pari, si sono conquistate un posto d'onore nel mio cuore. Penso che, nonostante la serie sia ancora lunga, questo resterà il mio libro preferito. Sono riuscita a sentirli, a viverli e ad amarli come non sono riuscita a fare nei precedenti libri della serie. Questa volta li ho abbracciati e tenuti stretti a me, come se volessi essere io il loro collante, come se avessi voluto essere lì con loro a combattere questa battaglia. Perché l'urlo di guerra di Armand è, in parte, l'urlo di un intero esercito di lettrici, che io adoro profondamente. Non mi resta che fare i miei più sinceri complimenti a questa autrice che, con ogni suo libro, riesce a donare a noi lettori un mondo alternativo dove poterci rifugiare, oltre che a personaggi instabili da poter amare.

  28. 4 out of 5

    Anna Perillo

    *Recensione a cura di Annie* - ATTENZIONE! SPOILER -  Sto scrivendo questa recensione con le lacrime che mi rotolano sulle guance per poi infrangersi sulla mia scrivania, sul legno freddo. Freddo come i brividi che mi scuotono e che mi fanno accapponare la pelle violentemente. Freddo come il sangue che mi si è congelato nelle vene. «Tu lo ami, Nadyia», sentenziai a bruciapelo. Mi volsi verso di lei, ferma sulla portafinestra. «E lui ama te, più di quanto ami noi. E sai perché?» La guard *Recensione a cura di Annie* - ATTENZIONE! SPOILER -  Sto scrivendo questa recensione con le lacrime che mi rotolano sulle guance per poi infrangersi sulla mia scrivania, sul legno freddo. Freddo come i brividi che mi scuotono e che mi fanno accapponare la pelle violentemente. Freddo come il sangue che mi si è congelato nelle vene. «Tu lo ami, Nadyia», sentenziai a bruciapelo. Mi volsi verso di lei, ferma sulla portafinestra. «E lui ama te, più di quanto ami noi. E sai perché?» La guardai intensamente, nonostante lei non lo stesse facendo. «Perché tu l’hai riportato in vita.» Dopo una piccola eternità, Nadyia trasse un profondo respiro e si voltò verso di me con aria indolente. «E lui ha posto fine alla mia.» Poi se ne andò. Ero pronta a tutto. Pensavo di essere pronta a tutto. In questo libro troviamo una Nadyia molto decisa nel portare a termine la sua vendetta e la Regina pronta ad assecondarla per il suo piacere sadico di veder soffrire il maggiore dei fratelli Lamaze, Armand che sarebbe disposto a tutto per proteggere i suoi fratelli. Sono stata mesi a prepararmi psicologicamente alla lettura del finale della trilogia degli Andyia. Mi ero preparata, ma niente è servito contro il dolore che sento nel petto in questo momento. DEVASTAZIONE. ASSENZA ABBANDONO  RABBIA. Sono solo alcune delle emozioni che provo adesso. Non posso credere a quello che ho letto, non so se sarò mai in grado di riprendermi. Capisco che serviva un movente per la vera guerra, cruda e spietata che sta per arrivare nei prossimi tre libri che vedranno come protagonista Armand, il primogenito dei Lamaze, ma non è solo per questo. Neela cova ben altro ed io non vedo l'ora di scoprire cosa sia e di vederla soffrire come nessun altro! Con questa trilogia se ne va uno dei personaggi che per me è sempre stato un campione, l'invincibile...nemmeno fosse fatto di acciaio indistruttibile. Mai avrei pensato accadesse una cosa del genere all'inizio ma poi mi sono resa conto che era necessario e, leggendo, scoprirete il perché. Se ne va una delle colonne portanti della famiglia e fa troppo male, mi mancherà davvero tanto. Mi sento come se lo avessi perso davvero,  perché lui e tutti gli altri sono più che dei semplici personaggi creati dalla fantasia dell'autrice ed è questo che rende inimitabile lo stile della Cilli. «Perché lo stai facendo?» le chiesi. «Perché sono pronta.» Mi girai su un fianco e poi, lentamente, mi sollevai fino a sedermi sui calcagni. La guardai con un misto di sconforto e rabbia. «Per cosa?» Neppure l’ombra di un’emozione passò sul suo volto. «Per sconfiggerti.» Lei va controcorrente, se ne frega degli happy ending che sono rari in questa vita, non ci gira attorno e non indora la pillola; ti sbatte tutto in faccia violentemente come fa la vita stessa, non aspetta che tu sia pronto per sopportare le sue batoste. È per questo che le sue storie sono così dannatamente perfette perché, quando dei libri ti scavano dentro in questo modo, non puoi fare altro che accettarlo e inchinarti alla magnifica Dark Queen che lei è. ❤

  29. 5 out of 5

    ★Bookish Girls★

    Care Girls, eccoci arrivate all’epilogo della storia tra Andrè e Nadyia, ho finito di leggere il libro alle tre di notte, non riuscivo a staccarmi dal kindle, mi ripetevo “ finisco questo capitolo e spengo” sèèèèè, illusa!! Alla fine, quando l’ho spento, sono rimasta più di mezz’ora a rimurcinarci sopra… Questa è una delle recensioni più difficili in cui mi sia mai trovata. Non si può, a mio avviso, anticipare nulla, il rischio spoiler è troppo elevato. E’ un finale che va letto senza sapere nul Care Girls, eccoci arrivate all’epilogo della storia tra Andrè e Nadyia, ho finito di leggere il libro alle tre di notte, non riuscivo a staccarmi dal kindle, mi ripetevo “ finisco questo capitolo e spengo” sèèèèè, illusa!! Alla fine, quando l’ho spento, sono rimasta più di mezz’ora a rimurcinarci sopra… Questa è una delle recensioni più difficili in cui mi sia mai trovata. Non si può, a mio avviso, anticipare nulla, il rischio spoiler è troppo elevato. E’ un finale che va letto senza sapere nulla, dovete soffrire e piangere come ho fatto io. Si combatte sino allo stremo, è una lotta senza esclusioni di colpi. Troverete una Nadyia così algida da farvi rabbrividire, le azioni compiute da Andrè sono indelebili nella sua mente, i suoi occhi li rivivono sequenza dopo sequenza, rivestendo di gelo il suo cuore…lo vuole vedere morto, ha dato la sua parola, una promessa firmata con il sangue. "Nadyia.." Premette la fronte sulla mia, il respiro che si fondeva con il mio. "Salvaci." Ha dei piani ben stabiliti, tutto è preparato sin nei minimi particolari, questo fino a quando qualcosa di inaspettato metterà tutto a soqquadro!!! Andrè a sua volta è combattuto, sa che le azioni compiute sono state fatte per salvarle la vita, sacrificarsi per lei era l’unica cosa da fare, un gesto d’amore estremo. "..le loro mani sembravano fondersi. Erano l'una l'estensione dell'altra. Si appartenevano." In questo ultimo libro vedrete l’amore fraterno sotto una luce mai vista, ci sono scene che mi hanno fatto scendere più di una lacrima, i loro abbracci consolatori, le mani che si stringono nell'infondere forza e coraggio, la disperazione, il dolore, sono qualcosa di devastante. " La sua mano era ancora nella mia. Aveva le dita più lunghe e affusolate delle mie, la pelle più chiara. Gli avevo mai tenuto la mano prima d'ora?? Lo avevo mai abbracciato? Avevo sempre creduto che non ne avesse bisogno, invincibile e freddo com'era. Che io non ne avessi bisogno. Ma adesso....adesso. " Nei fratelli Lamaze il filo che li ha sempre legati subirà più di uno strattone…verranno messi in discussione eventi del passato mai dimenticati, le loro debolezze e le loro colpe urlate a gran voce…La paura di commettere passi falsi e poi perdersi è tanta, li accompagnerà per tutto il libro. Non mi aspettavo questo cambio di rotta, questo mettere a nudo il proprio animo ce li rende più umani ai nostri occhi tanto da rivalutare le mie idee. "Il suo sguardo fu nel mio. Era così sereno. Mi sorrise. Un sorriso grande, bellissimo.Poi.Non avevo mai urlato così forte, perchè la sua mano non stringeva più la mia" Ognuno di loro ha qualcosa che li contraddistingue, abbiamo conosciuto prima Henri e poi Andrè , siamo entrati nelle loro teste, nei loro cuori, li abbiamo amati e disprezzati per le loro azioni, ma è in questo punto della storia che finalmente li vedremo per quello che sono realmente. Vedrete una regina più perfida che mai, i suoi giochi di potere le faranno commettere delle azioni deplorevoli, è la crudeltà fatta persona, è assodato, la ODIO !!! Insomma, la nostra Chiara ha rimescolato per benino le carte in tavola, mi ero fatta i miei film mentali su questo epilogo, non imparerò mai che con lei non bisogna dare nulla per scontato… Lo sai che appena le tue fan leggeranno il libro avrai del filo da torcere con loro, aspettati messaggi deliranti e spero solo quelli!!! A parte gli scherzi, a mio parere, nonostante tutto, è il più bello dei tre libri che parlano di Andrè, proprio perché mette a nudo l’animo dei fratelli Lamaze. Ora non ci rimane che conoscere l’imperturbabile Armand, non vedo l’ora, lui è l’unico in grado di ristabilire un equilibrio in questo marasma che si è venuto a creare… In questo libro scopriamo anche un Armand diverso, non si riesce per nulla a capire chi o cosa lo smuove per fargli arrivare determinati pensieri in testa. E' affascinante cercare di capire quest'elemento anche se a lettura ultimata non si ha una soluzione. Questo libro ti annienta, sarò onesta si pensa di arrivare ad una determinata conclusione verso metà lettura ma il corso degli eventi ti destabilizza di brutto facendoti raggelare all'istante quando quella vigliaccata cambia il corso degli eventi in maniera drastica. Gli ultimi capitoli nella loro tristezza sono stati i più belli, quelli che emotivamente continuavano a farmi piangere e a farmi incavolare. Si avete capito bene incavolare di brutto perchè anche se Chiara ha sempre ribadito che non sono romanzi d'amore, bhè una ci spera per una volta che le cose vadano filate, lisce e con amore in ogni dove! Chiara ci ha straziato nei ringraziamenti con le lettere ai tuoi protagonisti, soprattutto il saluto al tuo preferito. Della serie...pure quando ti stai ripigliando dal pianto..spe che ti rifaccio aprire i rubinetti un altro pochino!

  30. 5 out of 5

    Aria's

    «Il destino è una puttana senza cuore». Si sono respinti. Si sono amati. Lui l'ha distrutta dentro e fuori. Adesso è arrivata la resa dei conti e nulla sarà più come prima, dopo che la devastante furia di Nadyia spazzerà via ogni cosa. Il dolore brucia come una lama rovente che trafigge il petto. Andrè ha tradito il loro amore, l'ha guardata negli occhi e ha continuato imperterrito il suo piano di vendetta, anche se questo significava perderla per sempre. A Nadyia non rimane che vendicare la mor «Il destino è una puttana senza cuore». Si sono respinti. Si sono amati. Lui l'ha distrutta dentro e fuori. Adesso è arrivata la resa dei conti e nulla sarà più come prima, dopo che la devastante furia di Nadyia spazzerà via ogni cosa. Il dolore brucia come una lama rovente che trafigge il petto. Andrè ha tradito il loro amore, l'ha guardata negli occhi e ha continuato imperterrito il suo piano di vendetta, anche se questo significava perderla per sempre. A Nadyia non rimane che vendicare la morte di Marc, uccidendo quello che ora è diventato il suo nemico: una vita per una vita, anche se questa vita è quella dell'uomo che ama. E quando lei andrà a prenderlo, Andrè sarà pronto a combattere contro la sua piccola rossa? Che dire amici, parlarvi di questo ultimo capitolo della saga degli Andyia senza anticiparvi nessun colpo di scena è un'impresa titanica. Chiara Cilli sorprende, osa, attenta alle coronarie di noi poveri lettori. Il risultato è come sempre sorprendente, perchè Chiara riesce a non essere mai banale, reinventadosi a ogni storia. Un'autrice dalla mente brillante e audace, una penna intensa che sa mettere nero su bianco ogni tipo di emozione, così ti ritrovi a scorrere le pagine sentendo tutta la sofferenza e il dolore dei protagonisti, sperando che ci sia una soluzione alternativa a tuuto quel sangue. Una battaglia senza esclusione di colpi alla quale Andrè si piega senza colpo ferire, un'evoluziine grandissima per un personaggio per il quale io per prima non nutrivo grade simpatia. Nel corso dei vari libri però ho visto il piccolo dei Lamaze cambiare, lasciarsi trascinare da sentimenti che non poteva controllare, facendo emergere tutta l'umanità che si nasconde dietro il mostro. Nadyia è riuscita in un'impresa che sembrava impossibile: lo ha fatto sorridere ancora, riportando a galla sentimenti che erano sepolti da anni di barbarie e di violenza che hanno cancellato l'innocenza di un bambino. Quella Nadyia però, non c'è più; nei suoi occhi c'è il gelo della spietata assina che è stata plasmata dalla regina Neela e che non troverà pace finchè il sangue di Andrè non sarà versato. Eravamo collera e disperazione. Perché ci amavamo, ma non era abbastanza. Perché ci eravamo persi, e niente poteva farci ritrovare. A nulla valgono i tentativi di Henri e Armand di dissuadere Nadyia o di spingere il fratello a reagire. Qualunque azione darà il via ad una guerra senza esclusione di colpi, una battaglia per il potere che mostrerà un nuovo contendente alla corona di Véres e l'alba di una nuova egemonia. Per Sconfiggerti è una storia che racconta di legami forti che non possono essere spezzati facilmente. Troviamo l'amore tormentato, vero, straziato da una serie di scelte sbagliate operate da chi è cresciuto con una visione distorta di tale sentimento. Vi è sopratutto l'amore tra fratelli, quel legame indissolubile che solo il sangue può spiegare. Ci saranno pagine dense di pathos, in cui i fratelli Lamaze mostreranno l'importanza di esserci l'uno per l'altro, di proteggersi a vicebda anche a costo della vita. Henri e Armand non sono pronti a lasciare che Andrè si arrenda alla donna che ama senza combattere, soprattutto non possono accettare che lui scelga lei e non loro. Ho provato tanto struggimento, in particolar modo nelle scene in cui è evidente il rancore silente dimostrato da Andrè ed Henri nei confronti di Armand, una distanza emotiva che non permette a quest'ultimo di raggiungere l'intesa che esiste tra gli altri due fratelli, nata dalla condivisione di un'esperienza orribile che li ha segnati, unendoli nel dolore. «Ho paura che tu sia pronto a sacrificarci di nuovo, come hai fatto in tutti gli anni che hai aspettato per assassinare nostro padre.» ... Armand si voltò verso di lui, l’espressione ricca di angosciae invincibile risolutezza. «Non c’è niente, nientea cui non rinuncerei seduta stante, per voi. Siete tutto ciò che ho. Siete la mia famiglia, e siete al di sopra di tutto. Sempre.» In Per Sconfiggerti troviamo angst, azione, sangue, rivalsa, Chiara Cilli si trova indubbiamente nel suo elemento e lo dimostra padroneggiando con lucidità l'inquietudine di un personaggio a cui è legatissima. Non posso davvero dirvi altro, se non che Per Sconfiggerti va letto e metabolizzato in ogni sua parte, e quando farete pace con tutti i sentimenti provati riuscirete a dare un senso al grande disegno che questa saga intende portare avanti. Mille colpi di scena e scoperte che cambieranno ancora tutti gli assetti. Infine, cosa aggiungere? Chiuso un capitolo, attendo con ansia l'apertura del nuovo, che promette di portarsi via un pezzo del mio cuore perchè il mio Armand, intenso, silenzioso e feroce sarà un degno rivale della spietata regina Neela.

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading...
We use cookies to give you the best online experience. By using our website you agree to our use of cookies in accordance with our cookie policy.